Gino Strada vince le elezioni del 5 per mille Irpef. Per Emergency 12 milioni

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dopo le movimentate proteste del terzo settore alla fine gli elenchi dei beneficiari del 5 per mille Irpef, indicati con le dichiarazioni dei redditi del 2013, sono stati pubblicati dall’Agenzia delle entrate. A vincere la classifica degli importi nella categoria del volontariato, come era capitato altre volte, è Emergency, l’organizzazione guidata da Gino Strada che si porta a casa quasi 12 milioni di euro. Al secondo posto Medici senza frontiere con quasi 8 milioni, mentre al terzo l’Associazione italiana per la ricerca sul cancro con 6,8 milioni. Fino alla serata di ieri, quando l’amministrazione finanziaria ha finalmente alzato il velo sulle liste definitive, la polemica su ritardi era stata a dir poco infuocata. La protesta, in particolare, si era concentrata su Facebook e Twitter con l’hashtagh #fuorileliste. L’Agenzia delle entrate, guidata da Rossella Orlandi, ha spiegato che “le tempistiche relative alla pubblicazione degli elenchi del 2, 5 e 8 per mille sono regolate da diverse normative”. Ragion per cui “per garantire la corretta ripartizione delle somme relative al 5 per mille l’Agenzia ha dovuto effettuare approfondimenti su alcuni soggetti” che “si sono conclusi solo oggi (ieri, ndr)”. Emergency, in particolare, ha vinto per numero delle scelte dei contribuenti (424mila) e per entità degli importi nella “categoria” degli enti del volontariato. Per quanto riguarda la categoria degli enti di ricerca, invece, ha trionfato l’Associazione italiana per la ricerca sul cancro, che ha beneficiato di 34,2 milioni di euro. La stessa Associazione ha vinto nella categoria degli enti di ricerca sanitaria con 13,4 milioni. In tutto, quindi, ha incassato 54 milioni.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA