Per Giorgetti va bene tutto. Se non è possibile il bis di Mattarella, Draghi potrebbe guidare il convoglio anche dal Quirinale

Draghi Giorgetti
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Draghi potrebbe guidare il convoglio anche dal Quirinale”. È quanto ha detto il ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti a Bruno Vespa durante la presentazione dell’ultimo libero del giornalista Perché Mussolini rovinò l’Italia (e perché Draghi la sta risanando) in uscita il 4 novembre per Mondadori Rai Libri.

“Già nell’autunno del 2020 le dissi – ha dichiarato ancora il numero due della Lega – che la soluzione sarebbe stata confermare Mattarella ancora per un anno. Se questo non è possibile, va bene Draghi”.

E il governo? “Draghi potrebbe guidare il convoglio anche da fuori. Sarebbe un semipresidenzialismo de facto, in cui il presidente della Repubblica allarga le sue funzioni approfittando di una politica debole”. Come ha fatto a suo tempo Napolitano, osserva Vespa. “Lui l’ha fatto dinanzi a un mondo politico spaesato”, precisa Giorgetti. “Draghi baderebbe all’economia”, aggiunge.

Leggi anche: Sul Quirinale basta ricatti dalla destra. Di Maio: “Tornare al voto vorrebbe dire bloccare la ripresa del Paese”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I finti miracoli di Gualtieri

Facciamolo santo subito. E visti gli ultimi miracoli, mettiamolo tra i beati che contano, minimo minimo alla destra del Padre. A Roberto Gualtieri, d’altra parte, i prodigi vengono così, naturali. Prendiamo la sporcizia di Roma. Aveva promesso una pulizia straordinaria a dicembre, e puntualmente il

Continua »
TV E MEDIA