La giovane in pericolo di vita dopo il vaccino AstraZeneca: la diagnosi di trombosi del seno cavernoso

vitt trombosi venosa, trombocitopenia vaccino astrazeneca pfizer j&j
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Alisa e Regione Liguria segnalano il caso di una paziente di 18 anni con diagnosi di trombosi seno cavernoso. È in attesa di valutazione per intervento chirurgico all’ospedale Policlinico San Martino. La giovane è stata vaccinata volontariamente il 25 maggio 2021 nella Asl di residenza con vaccino AstraZeneca dopo anamnesi vaccinale negativa.

La giovane in pericolo di vita dopo il vaccino AstraZeneca: la diagnosi di trombosi del seno cavernosa

Il 3 giugno si è recata in pronto soccorso con la seguente sintomatologia: cefalea e fotofobia. E’ stata sottoposta ad esami, quali tac cerebrale ed esame neurologico, entrambi negativi. Dimessa con raccomandazione di ripetere gli esami ematici dopo 15 giorni, il 5 giugno ritorna in pronto soccorso con deficit motori ad un emilato. Sottoposta a Tac cerebrale con esito emorragico, è stata immediatamente trasferita alla neurochirurgia del San Martino. Al momento non ci sono elementi certi che possano mettere in relazione il malore con la vaccinazione.

La ragazza di Sestri Levante si era sottoposta al vaccino nella sua Asl di residenza in forma volontaria durante un open day che la Regione Liguria aveva organizzato per gli over 18. La giovane è stata operata e l’intervento si è concluso nel tardo pomeriggio. Sulla vicenda è intervenuto su Facebook il governatore Giovanni Toti: “Preghiamo e siamo vicini alla ragazza di 18 anni ricoverata in neurochirurgia all’ospedale San Martino di Genova a pochi giorni dalla somministrazione volontaria del vaccino AstraZeneca. Da tutto il giorno siamo in contatto con i nostri medici che stanno lavorando senza sosta in sala operatoria per salvarle la vita: dopo un primo intervento per rimuovere il trombo, è in corso adesso una seconda operazione. Tutta la Liguria si stringe intorno alla famiglia della ragazza, che è rimasta costantemente al suo fianco in ospedale”.

Leggi anche: Vitt: cos’è la trombosi venosa e cosa c’entrano i vaccini AstraZeneca e Johnson & Johnson