Giovedì a Roma l’ultimo saluto a Gigi Proietti. Lunga diretta della Rai a partire dalle 10. La figlia Carlotta: “Il dolore è forte, ma questo lutto è di tutti”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il funerale di Gigi Proietti sarà trasmesso in diretta tv dalla Rai per consentire a fan, cittadini e a tutto il pubblico, di partecipare in totale sicurezza all’ultimo saluto al popolare attore romano scomparso ieri mattina. La scaletta di giovedì 5 novembre, giorno dei funerali, secondo quanto trapela, prevede il passaggio del feretro davanti al Campidoglio e poi davanti al Globe Theatre di Villa Borghese, prima di raggiungere la Chiesa degli Artisti in piazza del Popolo per la cerimonia religiosa. La cerimonia, tuttavia, sarà strettamente privata e l’accesso alla chiesa sarà consentito ai familiari più stretti. La lunga diretta della Rai sarà inserita in una puntata speciale di “Unomattina”, a partire dalle ore 10, in collaborazione tra Rai1 e Tg1.

“Ho pensato tanto a questo momento, l’ho sognato, ne sono stata terrorizzata. Un papà famoso vuol dire tante cose, tra queste non avere un’intimità perché quando esce la ‘notizia’ si scatena lo ‘scoop’… Tutte parole che col momento che vivi non c’entrano niente”. Lo scrive sui social la figlia di Proietti, Carlotta, che aggiunge: “Malgrado questo però, le vostre parole e tutti i messaggi che ci stanno arrivando corrispondono all’amore che tutti provavate per papà. Voglio dire grazie con tutto il cuore ad ognuno di voi e lo farò, piano piano. Il dolore è forte, ma sappiamo che non è solo nostro, questo lutto è di tutti. Papà ha vissuto per il suo pubblico e il vostro affetto lo dimostra. Grazie e ancora grazie per tutto questo amore”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Garantisti con tutti tranne che con Grillo

Se pensate che la bava alla bocca dei peggio giustizialisti sia vergognosa date prima un’occhiata al veleno dei meglio garantisti, di destra e di sinistra, difensori a oltranza della nipote di Mubarak e sostenitori di partiti dove più delinquenti arrestano più ne arrivano, e non

Continua »
TV E MEDIA