Giuristi padani, lezione di Borghi. Per il deputato leghista la tutela della salute viene dopo il lavoro

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nonostante il monito di Mattarella e di Conte a “Unire le forze di tutti e di ciascuno, quale che siano ruolo e convinzioni” c’è chi si ostina a fare sterili polemiche. E’ il caso del deputato della Lega Claudio Borghi (nella foto), che arriva a contestare anche l’affermazione del premier sulla salute come bene supremo: “Come si permette di fare una scaletta dei valori costituzionali? Se guardiamo gli articoli semmai è al 32mo posto, il diritto al lavoro invece è al quarto”, dice Borghi. Al quale risponde a stretto giro il vice segretario Pd, Andrea Orlando: “Invito i commentatori che si interrogano sul perché sino a qui non ci sia stata collaborazione tra maggioranza e opposizione ad acquisire l’intervento fatto alla Camera dall’onorevole Borghi a nome della Lega”. Touché.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA