Giuseppe Cesare Donina: il leghista positivo che ha passato un giorno in Parlamento

giuseppe cesare donina lega positivo
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Giuseppe Cesare Donina, deputato leghista della provincia di Brescia, risulta positivo al coronavirus e la notizia si diffonde a Montecitorio subito dopo l’ora di pranzo mercoledì scorso. Lui è a casa sua in Lombardia dopo aver lasciato Roma al mattino. Ha i sintomi di Covid-19: febbre, raffreddore, stanchezza.

Giuseppe Cesare Donina: il leghista positivo che ha passato un giorno in Parlamento

Ma Donina, racconta il Corriere della Sera oggi, il giorno prima ha trascorso l’intera giornata a Montecitorio, ha partecipato ai lavori d’Aula, è andato in commissione Trasporti che proprio in quelle ore si riunisce assieme a quella Ambiente per alcune audizioni su Autostrade. Ha incrociato diversi colleghi anche se tiene a precisare che non aveva alcun sintomo. Ha però visto a pranzo il collega Andrea Dara, sempre della Lega: i due dividono l’appartamento nella Capitale.

Il mattino dopo anche Dara si è presentato in Parlamento, senza sapere che il collega sarebbe risultato positivo al test del tampone per il coronavirus di lì a poche ore. Ed è stato alla Camera fino alle 14 e 30, “senza accedere all’aula”, dice. Subito dopo aver saputo della positività del collega è tornato a casa e ha fatto il tampone che è risultato negativo. Ne ha fatto un altro dopo poche ore per sicurezza e si è messo in autoisolamento. Finita così? Nemmeno per sogno:

Eppure quando si scopre la positività di Donina si levano diversi mugugni tutti indirizzati a Dara. Alcuni leghisti sospettano che sapesse: «Per quale diavolo di motivo è venuto oggi? Vuole essere lui l’untore?». Morale della favola: Dara dovrà stare in quarantena e altri tre deputati dovranno effettuare un altro tampone prima di rientrare a Montecitorio. Focolaio sventato?

Leggi anche: La spia russa e i rapporti con gli amici della Lega (tra cui Gianluca Savoini, ex portavoce di Salvini)