Giustizia, Bonafede “grazie a noi blindati i processi di mafia”. E rivela che “altre forze politiche hanno remato contro”

ALFONSO BONAFEDE
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Continuo ad avere la ferma convinzione che dopo la sentenza di primo grado ci debba essere la certezza che arriverà la risposta di giustizia. E’ evidente a tutti che in questa maggioranza ci sono tante altre forze politiche che combattono contro questo principio. E che vorrebbero riempire di tagliole l’intero percorso della giustizia…”. Lo dice, in una intervista a Repubblica, l’ex ministro della Giustizia Alfondo Bonafede autore della precedente riforma della giustizia.

Leggi anche: I Cinque stelle limitano i danni. Ma si valuta il voto della base. Sulla giustizia di più non si poteva ottenere.

“Senza girarci intorno – aggiunge – quello che abbiamo fatto oggi è stato blindare i processi di mafia, di terrorismo e di violenza sessuale, e di mettere in maggiore sicurezza tutti gli altri che rischiavano di andare in fumo. Questo risultato ha un solo nome, ed è il Movimento 5 stelle, e una sola firma, quella di Giuseppe Conte”. Riguardo al mantenimento della prescrizione per tutto il primo grado Bonafede afferma: “prendo semplicemente atto che ci sono parti importanti della mia riforma che sono rimaste. Le mie critiche le ho già espresse pubblicamente e sono note a tutti”.

Leggi anche: L’ammazzaprocessi fa slittare tutte le altre riforme. Fisco e concorrenza restano al palo.