Gli inquietanti silenzi d’Oltralpe sulla strage di Ustica

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Non una sola voce si è finora levata per ricordare al presidente Emmanuel Macron la questione delle risposte necessarie alla magistratura italiana per chiudere il caso dell’abbattimento nei cieli di Ustica del Dc9 Itavia, costato la vita, la sera del 27 giugno 1980, a 81 italiani. Fu Francesco Cossiga, nel 2008, a rivelare il piano di Parigi per tendere un’imboscata all’aereo del leader libico Gheddafi, ma dalla Francia, sollecitata in rogatoria fino al 2014 una dozzina di volte, non è mai arrivata una chiara ammissione sul coinvolgimento delle proprie forze nell’abbattimento – per errore disse Cossiga – del volo Itavia. I tracciati radar, e la successiva istruttoria, hanno individuato la presenza nei cieli del Tirreno di caccia francesi decollati da portaerei che quella notte si trovavano al largo della Corsica. Una vicenda che dimostra la consolidata abitudine dei francesi a predicare bene, quando si tratta di richiamare alleati e partner europei alla cooperazione e alla solidarietà, e a razzolare male, come sul caso Aquarius, chiudendo porti e frontiere per rivendicare la propria sovranità.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Magistrati o politici double face

Milano e l’Italia che conta si cuociono le mani per applaudirlo, con la supplica di restare (leggi l’articolo). Tra pochi minuti alla Scala va in scena il Macbeth, e Shakespeare è inarrivabile nel farci riflettere sul prezzo del potere. Mattarella ringrazia e a quanto se

Continua »
TV E MEDIA