Il Governo convoca le Regioni. Vertice a Palazzo Chigi sul nuovo Green Pass. I Governatori chiedono la stretta su certificati e vaccini per fermare la quarta ondata

Regioni Green Pass Speranza
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

È stato convocato per il tardo pomeriggio di oggi l’incontro tra le Regioni e il Governo sulle nuove misure per fronteggiare la quarta ondata del Covid. Il vertice, richiesto nei giorni scorsi dagli stessi governatori (leggi l’articolo), si terrà a Palazzo Chigi e saranno presenti i ministri degli Affari Regionali e della Salute, Mariastella Gelmini e Roberto Speranza e il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Roberto Garofoli. Al centro della riunione ci saranno la richiesta formulata da diverse Regioni di inasprire le misure anti-pandemia, in particolare per quanto riguarda Green Pass e vaccini.

Al via da oggi le somministrazioni della terza dose per gli over 40. Continua il pressing delle Regioni. Musumeci spinge per l’obbligo vaccinale: “È una necessità, non più una opzione”.

Al via da oggi in Italia le somministrazioni della terza dose del vaccino anti-Covid per gli over 40. Intanto continua il pressing dei governatori sull’Esecutivo a favore dell’introduzione del super Green Pass, ma c’è anche chi continua a invocare l’obbligo vaccinale (leggi l’articolo).

“L’obbligo vaccinale è una necessità, non è più una opzione. Quanti morti ancora devono esserci perché qualcuno si convinca che al vaccino non c’è alternativa, quanti”  ha detto il governatore della Sicilia, Nello Musumeci.

“Spero che il governo anticipi a 5 mesi per fare la terza dose prima di Natale. C’è stata una partenza lenta ma stiamo recuperando. La recrudescenza del virus ha stimolato la paura e la consapevolezza che il rischio non è finito” ha ribadito, invece, il presidente ella Regione Liguria, Giovanni Toti che nei giorni scorsi aveva proposto l’introduzione del super Green Pass (leggi l’articolo)

”È una proposta che io ho lanciato in tandem con Fedriga – ha aggiunto il governatore della Liguria parlando al Messaggero – ma che la maggior parte dei colleghi hanno fatto propria. E poi è un passo per non arrivare alla misura draconiana ma moralmente legittima che è l’obbligo. Se andassimo in quella direzione si impedirebbe magari ai no vax di non andare a lavorare, ma pur sbagliando noi cerchiamo di tutelarli. Il pass a due velocità che proponiamo consente a tutti di recarsi sul posto di lavoro e fare le cose indispensabili, a patto che abbiano un tampone. Ma permette ai soli vaccinati di frequentare i luoghi della socialità come teatri, cinema, discoteche o partite di calcio. È uno strumento che consente da un lato di avvicinarsi all’obbligo senza imporlo e dall’altro di dare la certezza alle attività di stare aperte”.

“Penso che il governo adotterà un pacchetto di misure – ha aggiunto Toti – e che questo non comprenderà solo il pass a due velocità, ma anche l’obbligatorietà di terza dose per sanitari ed Rsa, e una serie di altri interventi tra cui non so se vedrei bene una stretta sui test. Ritengo solo che queste misure debbano essere prese in tempo. Ora siamo in ritardo. Il Natale è alle porte e dobbiamo intervenire in fretta. Non bisogna pensare solo all’oggi. Negli ospedali ora c’è un numero pazienti gestibile, anche con facilità, ma dobbiamo essere sicuri che qualsiasi cosa accada il Paese non richiuderà”.

“Le preoccupazioni delle Regioni sono le nostre – ha detto ieri  a La Stampa, il ministro per gli Affari Regionali Mariastella Gelmini – e il Governo sta monitorando la situazione con estrema attenzione. Abbiamo evidenze scientifiche che ci dicono che dopo 6 mesi si riduce gradualmente la percentuale di protezione che il vaccino assicura. Occorre dunque, avvicinandosi al sesto mese dalla seconda dose, premurarsi per avere per tempo la terza inoculazione: su questo bisogna correre”.

E sono 93.494.935 le dosi di vaccino contro il Covid-19 somministrate finora in Italia (qui il report), il 93,5 per cento di quelle consegnate pari a 99.954.043. Le persone che hanno completato il ciclo vaccinale sono 45.685.863, l’84,59 per cento della popolazione over 12, mentre le persone con almeno una somministrazione sono 46.985.040, l’86,99 per cento della popolazione over 12. Sono, invece, 667.449 quelle che hanno ricevuto la terza dose, il 74,54 per cento della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale. La dose booster è stata somministrata a 3.280.887, pari 63,65 per cento della popolazione che ha ultimato il ciclo vaccinale da almeno sei mesi.

Leggi anche: Durata del Green Pass, anticipo della terza dose ed estensione dell’obbligo vaccinale. Costa: “In settimana il Governo valuterà diverse misure”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I finti miracoli di Gualtieri

Facciamolo santo subito. E visti gli ultimi miracoli, mettiamolo tra i beati che contano, minimo minimo alla destra del Padre. A Roberto Gualtieri, d’altra parte, i prodigi vengono così, naturali. Prendiamo la sporcizia di Roma. Aveva promesso una pulizia straordinaria a dicembre, e puntualmente il

Continua »
TV E MEDIA