Grande Fratello Vip, la vera rivelazione della prima puntata è Ilary Blasi. Un esordio da Iena per la conduttrice che non ha fatto sconti ai personaggi famosi

di Gianluca Schiavone
Argomenti

Ieri sera su Canale 5 ha visto la luce una piccola rivoluzione mediatica. La prima puntata del Grande Fratello Vip, il papà di tutti i reality, che stavolta si è vestito di lustrini e paillettes, ha sfornato una novità dirompente che non è passata inosservata. I concorrenti o le dinamiche del gioco? Ma che. Tutta roba già vista. La vera svolta l’ha portata a casa un’Ilary Blasi da 10 e lode. Tanta la curiosità per il debutto di una ragazza più romana di un piatto di gricia e più grintosa di una camerata di Marines incazzati. Buonissima la prima per la bella Miss Totti, che forse, dopo quest’avventura da protagonista, potrebbe finalmente affrancarsi da quel titolo acquisito e conquistarsi un’autonoma identità televisiva come “Ilary, quella da non fare incazzare sennò so dolori”. La speranza era proprio questa. Che non la si imborghesisse al punto da diventare una versione low cost della Marcuzzi, ma che la si lasciasse libera di essere magnificamente ruspante come il pubblico la vuole e la apprezza. E fortunatamente è stata fatta la scelta giusta. Infilata in un vestito che non aveva nulla da invidiare alle miss sanremesi, truccata con prudenza per mettere in risalto una bellezza che non ha bisogno di spintarelle, un sorriso raggiante, e soprattutto caricata a pallettoni. Questa la conduttrice che abbiamo visto ieri sera fin dai primi minuti di trasmissione e per cui tutti, in primis il web, è impazzito. Ma l’apice si è toccato non appena Ilary ha iniziato ad interagire con i primi ospiti vip: Valeria Marini e Clemente Russo. Da quella capacità di tenere in riga i concorrenti distratti dal pubblico in passerella, a quella verve da ragazza sveglia del quartiere che non subisce per niente il fascino del famoso di turno, passando per quella spontaneità nel prendere in giro la qualunque dando pure del saccoccione alla Valeriona nazionale senza temere risposte piccate o mugugni da prima donna. Ilary ha adottato l’atteggiamento politicamente (s)corretto e il piglio quasi incazzato di chi il vip lo vuole trattare come un concorrente qualunque -anzi forse pure un po’ peggio- al di là di ciò che dice e ciò che fa. Dalle battute sulle “caldane” della Marini ai botta e risposta con Pamela Prati. Insomma, una Blasi svelta, gagliarda, poco incline alla fuffa in stile vip, e parecchio a suo agio nel ruolo di chi vuole portare a casa la puntata e non ha intenzione di farsi mettere i bastoni fra le ruote da una tempesta di capricci o smancerie. Ed è una scelta geniale perché consegnare al pubblico un vip quasi bistrattato è come gonfiare l’autostima e stuzzicare il palato di gente comune in cerca della rivincita dell’anonimato. Se sia stato tutto studiato con molta cura o se si tratti di un modus agendi dettato da una dirompente spontaneità non è dato saperlo e poco importa.