Altro che Grande Progetto Pompei. Gli scavi continuano a sbriciolarsi. Cede un altro muretto. Per fortuna in un’area non aperta al pubblico

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ancora crolli a Pompei. Questa volta in una zona non aperta al pubblico. Ha ceduto un muretto che delimitava due ambienti non coperti della Caupona di Demetrius e Helpis Afra. Il crollo è stato rilevato oggi ma risale non si sa a quando visto che è stato accertato durante i sopralluoghi svolti da personale di vigilanza e da funzionari. Il muro crollato, informa la soprintendenza, si trova in un’area non aperta al pubblico. “Il muro è in opera incerta, non affrescato – sottolinea la Soprintendenza Speciale per Pompei, Ercolano e Stabia – di circa due metri di lunghezza, restaurato nel Dopoguerra a seguito dei gravi danneggiamenti subiti dai bombardamenti del 1943 nell’area”. La Soprintendenza spiega che per quell’area è stata già progettata la messa in sicurezza nell’ambito del Grande Progetto Pompei i cui lavori, già in gara, cominceranno a breve. Dall’ultimo aggiornamento ministeriale emerge che sono stati spesi soltanto 20 milioni dei complessivi 105 finanziati. 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA