Grandi affari tra Cosa Nostra e ‘ndrangheta negli States. Otto arresti tra Italia e Usa: colpito anche il clan Gambino in una maxi operazione antimafia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Cosa Nostra e ‘Ndrangheta ben salde negli Stati Uniti e così è scattata una maxi operazione contro le due organizzazioni criminali condotta dallo Sco (Servizio Centrale Operativo) della Polizia di Stato in Italia e negli Stati Uniti. Milano, Matera, Trapani e New York, queste le città interessate e e dove otto persone sono state arrestate per associazione per delinquere transnazionale, finalizzata alla tentata estorsione ed aggravata dalle modalità mafiose. Tra le persone colpite dall’ ordinanza di custodia cautelare anche Francesco Palmieri, ritenuto appartenente alla famiglia mafiosa americana dei Gambino.  Le indagini, avviate oltre un anno fa, si sono sviluppate a margine dell’inchiesta della Procura Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria denominata `New Bridge´, che portò all’arresto di 26 persone tra Calabria e States. Questi gli arresti odierni:Giovanni Grillo, detto Johnny e considerato il personaggio chiave, Salvatore Farina, figlio del boss defunto Ambrogio, Carlo Brillante, Raffaele Valente, Daniele Cavoto, Michele Amabile e Francesco Vonella, già coinvolti nell’inchiesta New Bridge che ha provato i collegamenti tra i Gambino e le cosche della `Ndrangheta.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA