Graziano cerca la grazia di Renzi. Delrio spinge per le elezioni a settembre: “Voto insieme alla Germania”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dopo l’audio carpito contro Matteo Renzi, Graziano Delrio cerca il perdono del leader. Il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, infatti, ha tolto i panni della colomba per indossare quelli di falco delle elezioni anticipate. E ha chiesto il voto a settembre, facendo un piacere all’ex presidente del Consiglio. “La democrazia prevede instabilità, ci sono le elezioni e ci sono in tutti i Paesi e questo non è un problema per nessuno. Anche la Germania va a votare a settembre, eppure i cinesi hanno ottime relazioni con la Germania”, ha affermato Delrio nel corso del suo viaggio in Cina. Certo, Delrio ha poi corretto parzialmente il tiro: “Era un riferimento puramente casuale per dire che non siamo vissuti come un paese incapace di stringere accordi e poi di rispettarli”. Ma il messaggio è arrivato forte e chiaro ai destinatari.

Il tutto mentre dal Pd è arrivata la garanzia, da Piero Fassino, che i tempi non saranno affrettati con le elezioni a giugno, visto che il partito di maggioranza sarà impegnato nel congresso e nelle primarie programmate per il 30 aprile. Ma nessuno ha finora smentito l’ipotesi di un settembre elettorale. Che, per dirla con Delrio, farebbe il paio con il voto tedesco.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La bugia della destra e della sinistra

Piccola bussola per chi ha perso l’orientamento tra destra e sinistra, e ieri si è smarrito ancora di più vedendo Salvini difendere Renzi dalle polemiche sull’incontro carbonaro con lo 007 Mancini nella piazzola di un autogrill. A guardarli con gli occhiali del passato, destra e

Continua »
TV E MEDIA