Il passaggio alla green economy creerà enormi opportunità. Ma Cingolani pensa ancora al nucleare. Magari puntando su reattori moderni, piccoli e più sicuri

Cingolani nucleare
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Il passaggio ad un’economia verde, da un modello di sviluppo a spese del pianeta ad un modello di sviluppo a favore del pianeta, creerà enormi opportunità: lavoro, benessere diffuso ma durante la transizione c’è un problema di riconversione, di aggiornamento, si gioca tutto sull’asse dei tempi, equilibrati, in fretta ma non troppo”. È quanto ha detto a Radio24 il ministro per la Transizione Ecologica, Roberto Cingolani.

“Gli impianti rinnovabili si possono istallare ma anche disinstallare – ha aggiunto il ministro -, la pala e il fotovoltaico si rimuovono, ora dobbiamo accelerare la transizione, il problema climatico è più urgente piuttosto che salvaguardare di una certa visione, è tutta roba reversibile il cambiamento climatico no, il paesaggio, soprattutto in Italia è fondamentale, ma si troverà la sintesi”.

Sul nucleare Cingolani ha spiegato che “il mondo si sta interrogando, io rimango della mia posizione: sono dell’idea che le centrali di vecchia generazione non vadano fatte, sono dell’idea che vada investito enormemente, noi pensiamo alla transizione 2030 nel frattempo speriamo nell’arrivo di alcune soluzioni, piccoli reattori modulari che per esempio sta sperimentano la Rolls Royce, che si rivelino sicure, verdi ed economiche”.

Anche Greta ha risposto recentemente e parlava di nucleare, certo non la considero un punto di riferimento, tanto meno tecnico, ma visto che viene tanto ascoltata, anche lei l’ha detto”. Per Cingolani “la neutralità tecnologia implica che noi qualunque soluzione troveremo in futuro, realmente verde e sicura, la dovremmo adottare senza avere pregiudizi, il mondo si sta muovendo in quella direzione”.

Dall’archivio: L’Italia non punterà sul nucleare. Conte richiama all’ordine Cingolani. “Gli italiani hanno già detto No con i referendum. Salvini può trasferirsi in Francia”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I finti miracoli di Gualtieri

Facciamolo santo subito. E visti gli ultimi miracoli, mettiamolo tra i beati che contano, minimo minimo alla destra del Padre. A Roberto Gualtieri, d’altra parte, i prodigi vengono così, naturali. Prendiamo la sporcizia di Roma. Aveva promesso una pulizia straordinaria a dicembre, e puntualmente il

Continua »
TV E MEDIA