Grillo e il beverone politico dato agli italiani

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

“L’Italia sprofonda, e non è più un modo di dire. Nel frattempo i nostri laboriosi politici lavorano indefessamente giorno e notte per darci quella luce in  fondo al tunnel tanto attesa. La soluzione ai problemi dell’Italia? Un giro di poltrone. La specialita’ della casa”. Per Beppe Grillo “di questo si discute a Roma, di questo si preoccupa Napolitano, di un valzer osceno della politica indifferente ai problemi del Paese, ma attentissimo ai  privilegi dei partiti, delle lobbies, dello status quo. Comunque vada, il banco deve vincere sempre”. “Il panorama politico – scrive il leader M5S sul suo blog –  offre una varietà  di scelte per tutti i gusti. Per i conservatori,  per gli amanti della quiete dei cimiteri, la continuità del governo  Letta, così com’è (‘Ei fu siccome immobile’) con la Cancellieri  benedetta dal Quirinale inamovibile al call center del Ministero della Giustizia. Un Letta Uno. Per i moderati, ma anche cauti progressisti,  un rimpastino con tre/quattro nomi nuovi di area renziana come i  giovani De Luca e Fassino, e un patto di programma che in se’ non vuol dire nulla, ma e’ tanto rassicurante sapere che c’e’ finalmente un  programma. Un Letta Due leggermente frizzante”.

“Per i cattocomunisti (più catto che isti) – incalza Grillo – un governo nuovo di pacca con a capo Renzie, il più  votato dal Gabibbo e il più amato dalle banche. Una staffetta come ai bei tempi di Mazzola e Rivera con al loro posto Capitan Findus e  l’Ebetino, due palleggiatori da cortile. Un Renzie Uno per gli amanti del brivido e delle cazzate”. “Per i rivoluzionari – prosegue – un ritorno immediato alle urne dopo aver approvato in Parlamento la legge elettorale  Pregiudicatellum, la Riforma delle Riforme con cui Berlusconi e  Renzie, novelli Padri della Patria, ci hanno scassato gli zebedei per  due mesi. Un Super Porcellum che non rilancerà l’Italia, ma Forza  Italia sicuramente si’. Un Berlusconi Quattro”. Dunque, “Letta Uno,  Letta Due, Renzie Uno, Berlusconi Quattro, un beverone offerto dalle  televisioni a tutte le ore come l’elisir di giovinezza. I partiti  hanno un solo obiettivo: sopravvivere ad ogni costo e ormai non lo  nascondono neanche piu’. In alto i cuori. Non può piovere per  sempre”, conclude il leader M5S.

 

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quel bivio tra il M5S e il Ponte sullo Stretto

Nei sondaggi della Ghisleri e Pagnoncelli non c’è traccia, ma in Italia non c’è partito che sta crescendo più di quello del cemento. I soldi del Recovery Plan permetteranno di aprire cantieri ovunque, e come da tradizione c’è la fila per costruire quello che capita,

Continua »
TV E MEDIA