Grillo deciso: elezioni subito. Un voto, un calcio in culo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Angelo Perfetti

Grillo come Tinto Brass: ossessionato dal fondoschiena. Se le ultime elezioni politiche erano state segnate dallo slogan – se così possiamo chiamarlo – del “vaffanculo”, ora quella parte dove non batte il sole torna protagonista con l’evocare nuove elezioni: un voto, un calcio in culo. Vabbè che anche per le elezioni, così come per ogni attività umana, un po’ di fortuna non guasta, ma l’approccio lessicale del leader dei Cinque stelle batte sempre lì. E’ un modo per richiamare la pancia di chi ascolta (né più né meno della Lega della prima ora, in verità), ma la realtà politica è più che mai evidente: no all’inciucio con  il Pd, che vorrebbe far fuori Berlusconi e la sua truppa con l’ausilio dei grillini, sì a nuove elezioni nonostante questa legge davvero non piaccia al Movimento 5 Stelle che raccolse le firme per abolirla. Ma “quando il gioco si fa duro – afferma Grillo dal pulpito del suo blog – i duri cominciano a giocare”. E lo fanno non più in nome della Giustizia, ma della Convenienza, elettorale, con il votare in un modo piuttosto che in un altro. Farà anche male sentirselo dire, ma in questo Grillo è molto simile a Berlusconi, che ha sempre scelto di votare (e quando votare) più in base ai calcoli provenienti dai sondaggi che al bene del Paese. Fatta questa lunga premessa, vale però la pena entrare nel merito delle dichiarazioni grilline. E vi si trova un durissimo attacco al Capo dello Stato: “La farsa di un Presidente della Repubblica eletto da Berlusconi (ricordate i suoi applausi alla nomina e il sorrisone da cumenda da guancia a guancia?) che disegna da anni  strategie fallimentari come investito da un’autorità suprema, prima  Rigor Montis, poi Capitan Findus Letta, sta andando avanti come se  niente fosse success. Spesso – prosegue Grillo – mi chiedo cosa ci stiamo a fare in Parlamento”. E’ finito il tempo delle mele – scrive dal suo blog il leader M5s –  tornando anche oggi a dire no a ipotesi di ‘inciuci’ . “Nessun taglio ai privilegi, dalle pensioni d’oro, ai finanziamenti  elettorali. E’ necessario – avverte – tornare immediatamente alle elezioni”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA