Grillo non tollera più la fronda. Escluso ogni accordo con i partiti. Due giorni di discussioni al Senato e alla Camera. Il Movimento 5 Stelle scopre le correnti interne

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Lapo Mazzei

Il post di Paolo Messora che parla di “piccoli onorevoli”. La questione delle alleanze, vero e proprio tema carsico dei grillini, che riemerge ogni qualvolta i venti di crisi iniziano a soffiare. Per non dire dell’eccesso di personalismo all’interno del Movimento. Ma anche l’attacco di Beppe Grillo non contribuisce certo non abbassare i toni: “Siamo in guerra” è il titolo del post, e di certo non si riferisce alla Siria. Per finire con l’annuncio del nuovo V-day, evidente ritorno all’antico per confondere il presente. Insomma, un’altra giornata di passione a Palazzo Madama per i senatori pentastellati, che si sono confrontati in diretta streaming dopo l’accusa rivolta dal responsabile della Comunicazione Claudio Messora, per il quale alcuni di loro “giocano a fare i piccoli senatori”. Non l’ha presa bene, per esempio, Luis Orellana, che dei cinque Stelle, al Senato, è uno degli esponenti di spicco (era stato il candidato grillino alla presidenza del Senato a inizio legislatura).
“Ha sparato contro di noi e insinuato dubbi, noi non siamo qui a pettinare le bambole, le sue sono vere sciocchezze”. Non tutti però si sono sentiti toccati. “Il post di Messora a me è piaciuto tantissimo, non mi offende”, dice Manuela Serra, “io non mi sento una senatrice, sono semplicemente Manuela”. Ma Orellana guida anche il fronte delle colombe che aprirebbero volentieri a forme di alleanza con il Pd, magari per un Letta-bis. “Bisogna essere pronti e non avere tabù. Potremmo avere un fortissimo peso contrattuale. In Sicilia abbiamo una alleanza in corso. A Ragusa abbiamo vinto il ballottaggio perché siamo stati aiutati”, ricorda. Ma gli oltranzisti continuano a fare muro. A partire da Vito Crimi. “Noi possiamo votare provvedimento per provvedimento, non guardiamo in faccia a nessuno, cosa che non si può fare con le alleanze”. Ma il vero tema caldo del momento resta l’affondo di Grillo: “Siamo in guerra”. Attenzione, però: “Il MoVimento 5 Stelle non è violento, ma è rivoluzionario”, avvisa il comico, “vuol cambiare la società, restituire ai veri giocatori, i cittadini, la scacchiera, il gioco. Cambiare in senso democratico la Costituzione e lo Stato. Per tutti i non-grillini e per chi all’interno del movimento la pensa diversamente è in dirittura d’arrivo una parolina già usata in passato. Chi vuole guardarsi l’ombelico”, dice Grillo, “si tiri fuori. Il M5S non è il suo ambiente. Presto faremo il terzo VDay. Tenetevi pronti”. Insomma, meglio ripartire da capo.