Grillo ordina il dietrofront: la clandestinità resti un reato. Prima festeggia il successo dei sue due senatori poi accoglie le proteste della base e li sconfessa

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Vittorio Pezzuto

Andata e ritorno in un post. Tutto in una notte. Sull’abolizione del reato di clandestinità a Beppe Grillo sono bastate poche ore per decidersi a un clamoroso dietrofront e sfilacciare il già consunto rapporto con i suoi gruppi parlamentari. E dire che l’approvazione, l’altra sera in Commissione Giustizia, dell’emendamento Buccarella-Cioffi poteva essere festeggiato (e da tutti riconosciuto) come il primo vero successo politico colto dalle truppe pentastellate. E invece no. Nell’ex comico ancora una volta è scattato l’istinto del bastian contrario a tutti i costi, della critica serrata a ogni provvedimento che abbia sentore anche lontano di combine con il Pdl e il “Pdmenoelle”. Per capire come sono andate le cose non occorre essere retroscenisti dalla fervida immaginazione: è sufficiente compulsare le pagine del blog che ha fondato con l’enigmatico Gianroberto Casaleggio.

Cronologia di una giravolta
È successo che i due senatori Andrea Cioffi e Maurizio Buccarella abbiano mandato alle agenzie una nota in cui spiegavano il significato dell’emendamento appena approvato: «Il reato di clandestinità non ha risolto nulla aggravando solo i costi per la Giustizia, con meno sicurezza per le strade, senza combattere il fenomeno e lo sfruttamento legato a quest’ultimo, addirittura aggravandolo». Pochi minuti dopo il comunicato, firmato “M5S Senato”, veniva ripreso nell’home page del sito del leader, che così salutava il loro successo: «Da oggi le espulsioni dei clandestini sono più semplici». Immaginate quindi la sorpresa degli interessati quando ieri mattina Casaleggio e Grillo emanavano a mezzo web la loro scomunica: «Ieri è passato l’emendamento di due portavoce senatori del MoVimento 5 Stelle sull’abolizione del reato di clandestinità. La loro posizione espressa in Commissione Giustizia è del tutto personale. Non è stata discussa in assemblea con gli altri senatori del M5S, non faceva parte del Programma votato da otto milioni e mezzo di elettori, non è mai stata sottoposta ad alcuna verifica formale all’interno. Non siamo d’accordo sia nel metodo che nel merito». Scagliandosi a freddo contro i due frastornati grillini, leader e guru precisavano infatti che «un portavoce non può arrogarsi una decisione così importante su un problema molto sentito a livello sociale senza consultarsi con nessuno. Il M5S non è nato per creare dei dottor Stranamore in Parlamento senza controllo. Se durante le elezioni politiche avessimo proposto l’abolizione del reato di clandestinità – presente in Paesi come la Francia, la Gran Bretagna e gli Stati Uniti – il M5S avrebbe ottenuto percentuali da prefisso telefonico. Sostituirsi all’opinione pubblica, alla volontà popolare è la pratica comune dei partiti che vogliono ‘educare’ i cittadini, ma non è la nostra. Il M5S e i cittadini che ne fanno parte e che lo hanno votato sono un’unica entità».
Non era certo casuale il richiamo etnico all’appartenenza di un’unica comunità e allo strampalato e sfiancante unanimismo che dovrebbe governare le scelte dei gruppi parlamentari. A consigliare Grillo e Casaleggio alla precipitosa retromarcia erano stati infatti i numerosi messaggi di protesta che nottetempo si erano sedimentati in calce al comunicato Buccarella-Cioffi. Facendo così riesplodere nel Movimento l’insanabile conflitto tra eletti in continuo apprendistato istituzionale e una base magmatica di writers tanto malmostosi quanto incontentabili. Da qui un dietrofront anche nel merito della questione: «Questo emendamento è un invito agli emigranti dell’Africa e del Medio Oriente a imbarcarsi per l’Italia. Il messaggio che riceveranno sarà da loro interpretato nel modo più semplice “La clandestinità non è più un reato”. Lampedusa è al collasso e l’Italia non sta tanto bene. Quanti clandestini siamo in grado di accogliere se un italiano su otto non ha i soldi per mangiare?». La domanda retorica non ha evitato la replica piccata di Buccarella e Cioffi: «Noi pensiamo di aver svolto il nostro lavoro al meglio e non pensiamo di aver commesso errori». Una convinzione condivisa anche da molti altri loro colleghi, che tornano a lamentare la perdurante assenza del leader. A zittirli ha provato la capogruppo al Senato Paola Taverna, annunciando il silenzio stampa in attesa del salvifico chiarimento interno. Proprio quello che accade quando una squadra di giocatori inesperti stenta a seguire le indicazioni dell’allenatore, annaspando in fondo della classifica.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le nomine per tutte le stagioni

Evitando le buche più dure – vedi le parole gravissime del sottosegretario Durigon – Draghi si tiene buono il Parlamento fotocopiando senza il fuoco di sbarramento visto con Conte la stessa prudenza sulla pandemia del suo predecessore. Merito di una situazione sanitaria che migliora, ma

Continua »
TV E MEDIA