Grossi guai per Ilda

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dalla Redazione

Guai in vista per la Boccassini. La rossa del tribunale di Milano rischia, infatti, un procedimento disciplinare davanti al Csm per un «rapporto di collaborazione critico» tra la Dda meneghina, diretta dalla Boccassini, e la Direzione nazionale antimafia, un rapporto, secondo la Prima Commissione di palazzo dei Marescialli «caratterizzato da una limitata disponibilità al coordinamento da parte della prima con la seconda». Gli atti sono stati trasmessi al pg di Cassazione e al ministro della Giustizia, titolari dell’azione disciplinare, e alla Quinta Commissione, competente per le conferme in incarichi direttivi.

Seccondo la Commissione «le oggettive criticità riscontrate rispetto all’inserimento degli atti nel procedimento e, in particolare di quelli delle indagini preliminari nel sistema informativo centrale da parte della Dda di Milano e la generale carenza dei flussi informativi riferibili alla Dda di Milano, protrattasi anche nel periodo ricompresi tra il 2010 e il 2013 impongono di disporre la trasmissione degli atti alla Quinta Commissione referente e ai titolari dell’azione disciplinare per ogni eventuale valutazione di competenza».

Al centro della vicenda, i rapporti tra Boccassini e il pm della Dna Luigi Spiezia. Spiezia, che in audizione al Csm parlò di una «carenza quasi assoluta di informazioni», è stato poi sostituito dalla collega Anna Canepa, che lo aveva preceduto nelle funzioni di collegamento con i pm antimafia di Milano. La Prima Commissione – il plenum si pronuncerà probabilmente già la prossima settimana sulla questione – non ravvisa «ipotesi in alcun modo significative» rispetto alle sue competenze: «l’intervenuta sostituzione del dottor Spiezia al coordinamento investigativo con il distretto di Milano si inscrive senza dubbio nell’ambito di un rapporto di collaborazione critico», anche se la sostituzione avvenne «a fronte di espressa richiesta formulata dallo stesso magistrato al procuratore nazionale antimafia, motivata anche dalla volontà del magistrato di dedicarsi appieno al settore delle relazioni internazionali». Le «criticità» evidenziate da Spiezia nei rapporti con la Dda di Milano «trovano riscontro nelle relazioni predisposte dal magistrato che lo ha preceduto nell’incarico», si legge nel documento approvato dalla Commissione: Canepa, infatti, nel febbraio 2010 aveva «evidenziato che la dottoressa Boccassini manifestava perplessità connesse a ragioni di sicurezza e riservatezza in relazione alla implementazione della banca dati nazionale».