Grosso incendio a Mortara (Pavia) nella ditta di smaltimento rifiuti. L’allarme del prefetto: c’è il rischio diossina

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Una nube tossica enorme si è alzata questa mattina nella zona industriale di Mortara, in provincia di Pavia. Tutto a causa di un incendio di grosse dimensioni scoppiato alle 6.30 nella zona industriale di Mortara, all’interno della ditta Eredi Bertè, in via Fermi, che si occupa di rifiuti speciali e recupero metalli. Una colonna di fumo nero è visibile a molti chilometri di distanza. Il prefetto di Pavia, Attilio Visconti, ha lanciato l’allarme diossina: “Le notizie che sto raccogliendo – ha detto subito dopo essere arrivato in via Fermi – non sono troppo confortanti. Sta bruciando di tutto, comprese gomme e plastica. C’è il rischio diossina”.

Secondo le prime testimonianze dei vigili del fuoco, infatti, sono andati a fuoco sia rifiuti speciali che residui di alluminio e un gran numero di copertoni. L’Ats, attraverso il sindaco Marco Facchinotti, ha consigliato alla popolazione di non uscire di casa, di tenere le finestre chiuse e di non raccogliere i prodotti dell’orto. Sul posto sono al lavoro dodici squadre di vigili del fuoco giunte da Vigevano, Pavia, dai distaccamenti volontari di Mortara, Mede, Garlasco e Robbio e anche da Milano. Le operazioni di spegnimento dureranno certamente molte ore. Le cause dell’incendio sono ancora da chiarire.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA