Gualtieri vuole premiare i netturbini. Ma i rifiuti invadono ancora la Capitale. Accordo tra Ama e sindacati per incentivare le pulizie straordinarie annunciate dal sindaco

rifiut Roma Gualtieri
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Premialità per chi decide di rinviare le proprie ferie e le proprie ore di permesso al termine del piano di pulizia straordinaria, garantendo un tasso di presenza elevato in un periodo, quello delle feste natalizie in cui, per altro, la produzione di rifiuti aumenta”. È quanto ha detto l’assessore all’Ambiente del Comune di Roma, Sabina Alfonsi, annunciando incentivi ai lavoratori Ama che si occupano della pulizia delle strade di Roma, che saranno più operativi tra il 22 novembre e il 9 gennaio.

L’annuncio arriva dopo l’accordo raggiunto giovedì tra Ama e le organizzazioni sindacali a sostegno del piano straordinario di pulizia da 40 milioni di euro, richiesto dal sindaco Roberto Gualtieri e varato da Roma Capitale, ma che stenta a partire (leggi l’articolo). Il piano pensato dal neo sindaco dem punta a potenziare le attività di igiene urbana fino all’inizio del nuovo anno.

“L’intesa, curata dai nuovi direttore Generale, Maurizio Pucci, e vice direttore, Emiliano Limiti, – comunica l’Ama – segna il nuovo corso delle relazioni industriali del vertice appena rinnovato. L’accordo, che scatterà il 22 novembre e terminerà il 9 gennaio, riguarda tutti i turni di lavoro dei giorni feriali e mira a incentivare i tassi di presenza in tutti i comparti operativi (sedi di zona, autorimesse, officine, impianti, ecc.) per aumentarne la produttività ed efficienza in questo particolare periodo”.

“L’incentivo stabilito è legato alle maggiori presenze garantite. Chi non farà alcuna assenza avrà il maggiore incentivo, mentre non potrà averne alcuno chi totalizzerà più di 5 giorni di assenza di qualunque genere, ad eccezione dei riposi previsti dalla legge. L’accordo coinvolge esclusivamente i lavoratori idonei a tutte le attività previste (raccolta, pulizia, spazzamento, rimozione micro-discariche, ecc.) dal piano straordinario di pulizia e a tutte le operazioni di igiene urbana da qui a fine anno”.

“Per rinforzare e potenziare le varie linee operative e le presenze anche nei giorni festivi – spiega ancora Ama -, sarà siglato un secondo accordo per il quale le parti si incontreranno nuovamente entro la fine di novembre”. “Ringrazio le organizzazioni sindacali per il contributo importante rappresentato da questo accordo e ringrazio fin d’ora i lavoratori di Ama che in questa fase stanno dispiegando un impegno straordinario per la città” sottolinea l’Amministratore Unico di Ama, Angelo Piazza.

Leggi anche: Altro che pulizia straordinaria. Roma è sommersa dai rifiuti. Il piano promesso da Gualtieri per ripulire la città entro Natale è già in ritardo.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I finti miracoli di Gualtieri

Facciamolo santo subito. E visti gli ultimi miracoli, mettiamolo tra i beati che contano, minimo minimo alla destra del Padre. A Roberto Gualtieri, d’altra parte, i prodigi vengono così, naturali. Prendiamo la sporcizia di Roma. Aveva promesso una pulizia straordinaria a dicembre, e puntualmente il

Continua »
TV E MEDIA