Guerra ai monopattini. Il futuro green ha tanti nemici. Monta un dibattito surreale sulla sicurezza. Destre e industria dell’auto non si rassegnano

monopattini
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Proposte di legge per renderne l’uso più difficile, forte enfatizzazione degli incidenti sui giornali (in particolare quelli di destra), ripartenza sui Social e nel circuito mediatico di un dibattito che punta a discriminare i monopattini, e in particolare quelli in sharing. Malgrado i segni dei cambiamenti climatici siano sotto gli occhi di tutti, in Italia monta un dibattito che rischia di discriminare un mercato importante nell’era dell’economia sostenibile.

La sharing mobility, infatti, è in tutto il mondo il modello su cui le municipalità hanno disegnato un servizio di trasporti a basso impatto ambientale e che va incontro alle esigenze di sostenibilità economica delle città e dei cittadini. Oggi il ruolo della mobilità in sharing, integrata con i servizi pubblici, è imprescindibile ed è la rappresentazione di una società che fa della condivisione la chiave per una vita più sostenibile. Tra i mezzi più utilizzati ci sono anche i monopattini che hanno avuto negli ultimi due anni una impennata di condivisioni grazie agli oltre 42 mila mezzi in oltre 40 città della Penisola.

Un mercato che pur giovane è già diventato fondamentale per le città, con molte questioni legate alla sicurezza già affrontate e superate, e altre che potranno essere affrontate, ma senza mettere i servizi in discussione. “Il monopattino in sharing – ha detto Matteo Tanzilli, presidente di Assosharing – oltre ad avere sempre copertura assicurativa, è tra i mezzi più controllati in città. L’indice degli incidenti per corse effettuate nel 2020 è molto basso, si attesta attorno allo 0,004%”. Ciò nonostante gli operatori si sono detti disponibili a contribuire al processo di regolamentazione con proposte e tecnologie.

E Lime porta a Roma un nuovo mezzo di ultima generazione

Quella dei monopattini elettrici e delle bici in sharing è una piccola rivoluzione che continua a Roma, dove gli operatori stanno investendo nel segno dell’innovazione e della sostenibilità ambientale. A segnalarlo è la sindaca Virginia Raggi, che nei giorni scorsi si è recata nell’officina dell’azienda Lime, che ha assunto circa 40 persone solo per le attività di riparazione dei mezzi. L’azienda ha dato il via a un circuito virtuoso per avere veicoli sempre perfettamente funzionanti e ha introdotto un nuovo monopattino di ultima generazione, il Gen4, in arrivo nella Capitale. Questo mezzo sarà dotato di nuove funzionalità per renderlo ancora più sicuro e facile da usare, come ad esempio le ruote più grandi e il doppio freno.