Guerra in Ucraina, M5S: Sì al sostegno a Kiev per legittima difesa. “L’aggressione militare della Russia non può lasciarci indifferenti o silenti”

Guerra in Ucraina
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“L’aggressione militare della Russia alla sovranità politica e territoriale dell’Ucraina non può lasciarci indifferenti o silenti. Questa invasione contrasta con i più elementari principi del diritto internazionale e merita la più ferma e risoluta condanna”.  È la posizione sul guerra in Ucraina espressa in una nota dal M5S.

Guerra in Ucraina, M5S: “L’aggressione militare della Russia non può lasciarci indifferenti o silenti”

“Di qui le giuste misure di reazione, politiche ed economiche – aggiungono dal Movimento -, sperando che la prospettiva di un severo isolamento politico e di forti penalizzazioni sul piano economico possa indurre la Russia a ritirare le truppe e a riprendere la via del negoziato con sincera disponibilità. Questa situazione giustifica anche l’adozione, da parte dell’Italia nel quadro dell’Unione europea, di iniziative di sostegno che consentano all’Ucraina di esercitare il diritto alla legittima difesa e di proteggere la sua popolazione contro l’aggressione militare”.

“Non intendiamo, quindi, favorire in alcun modo una unilaterale offensiva militare. Il Movimento persegue sempre la pace – aggiunge il M5S nella nota dedicata alla crisi internazionale legata alla guerra in Ucraina -, quale principio di valore assoluto in grado di alimentare il dialogo a tutti i livelli e di offrire una prospettiva di duratura stabilizzazione dei territori e di sviluppo sociale economico e culturale delle popolazioni”.

“Il ripudio della guerra quale strumento di offesa e di risoluzione delle controversie, sancito dalla nostra Costituzione, è la stella polare che ispira da sempre l’azione politica del Movimento. Allo stesso tempo, però, la necessaria consapevolezza di evitare ogni prevaricazione perpetrata con la forza a danno di uno Stato sovrano e con il quale condividiamo pienamente i basilari principi democratici, è un’urgenza che non possiamo ignorare”.

“Unicamente per questa ragione, il M5s – dopo un lungo confronto che ieri ha riunito i vertici del Movimento, con l’audizione del ministro degli Esteri e dei presidenti e capi commissione Esteri e Difesa di Camera e Senato per un totale di circa 30 partecipanti – ritiene che il precipitare degli eventi imponga una risposta unanime e univoca, all’interno di una cornice europea, anche sul piano del sostegno all’approvvigionamento militare, senza che questo sostegno significhi l’abbandono di ogni sforzo diplomatico e di ogni spiraglio di soluzione politica, che rimane l’obiettivo prioritario per il quale continueremo a lavorare con la massima concentrazione”.

“Il Movimento cinque stelle – conclude la nota – lavorerà inoltre per promuovere iniziative di solidarietà volte ad alleviare le sofferenze della popolazione ucraina, oltre ad appoggiare l’impegno italiano per accogliere i rifugiati”.