Gli hub vaccinali saranno incrementati. In arrivo anche medici, infermieri e operatori sanitari. Figliuolo: “In consegna lunedì 2,8 milioni di dosi”

Astrazeneca Figliuolo
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Stiamo trovando delle buone soluzioni organizzative per incrementare gli hub vaccinali nell’ottica del Piano. Si sta andando avanti e sono molto contento di quello che si sta facendo qua in Calabria”. È quanto ha detto il Commissario per l’emergenza Covid, Francesco Paolo Figliuolo, nel corso della sua visita di oggi in Calabria insieme al capo della Protezione civile, Fabrizio Curcio.

“Costruire grandi hub – ha aggiunto il generale – facendo arrivare le dosi in tempo e nelle quantità che stiamo stimando da qui in avanti e che stanno arrivando. Penso che ci siano grandi potenzialità per fare hub vaccinali e ne faremo 4 in Calabria il primo dei quali sarà Catanzaro, dove c’è la Fiera, di cui il sindaco Abramo ci ha dato la disponibilità. C’è la struttura, l’infrastruttura e la parte logistica e infologistica. Seguirà l’arrivo di medici, infermieri e operatori sociosanitari”.

“Il 29 di marzo arriveranno, a livello nazionale, un milioni di dosi di Pfizer, un milione e 300 mila di AstraZeneca e 500 mila di Moderna” ha annunciato il Commissario ribadendo che medici e infermieri necessari per accelerare la campagna di somministrazioni saranno reclutati “con apposite convenzioni”.

“Nello spazio individuato a Catanzaro – ha spiegato Figliuolo – c’è la struttura, l’infostruttura, la parte logistica che vestiremo con adeguati assetti sanitari e la presenza di medici, infermieri e oss da reclutare con apposita convenzione”.

“O noi ci mettiamo nel ‘mood’ di andare a lavorare insieme e nella collaborazione – ha detto, invece, Curcio -, nel rispetto delle competenze che ognuno ha, oppure non ne usciamo. Noi da quando abbiamo iniziato a lavorare non abbiamo incontrato ostilità da nessuna parte. Abbiamo lavorato sempre con tutti, oggi siamo qui in piena sintonia e armonia a supportare le attività delle Regioni. Ieri in Conferenza Unificata è stato approvato un documento che porta quattro sigle e quattro carte intestate: il commissario, Protezione civile, ministero della Salute e Conferenza delle Regioni. Quindi francamente credo che o noi ci mettiamo nel ‘mood’ di andare a lavorare insieme e nella collaborazione, nel rispetto delle competenze che ognuno ha, oppure non ne usciamo”.

Figliuolo sarà ascoltato nell’Aula di Palazzo Madama, dalle commissioni riunite Sanità del Senato e Affari sociali della Camera, nel corso di un’audizione informale, martedì 30 marzo alle 11. Il tema dell’audizione è “lo stato di attuazione del piano strategico nazionale dei vaccini per la prevenzione delle infezioni da SARS-CoV-2”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I burocrati uccidono più del virus

Dobbiamo attendere gli accertamenti medici per sapere se la giovanissima Camilla Canepa è morta per il vaccino Astrazeneca o per altro, ma in ogni caso questa tragedia ha fatto emergere tutte le falle della campagna vaccinale: il Cts, l’Aifa, Figliuolo e le Regioni. Ora non

Continua »
TV E MEDIA