I ballottaggi non sorridono al Pd. Renzi ammette: “Questa è una sconfitta”. E per gli azzurri: “Il vento sta cambiando”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Non ci gira intorno Matteo Renzi. E ammette senza problemi che il risultato dei ballottaggi nei Comuni rappresenta una dura sconfitta per il Partito democratico. “Questo voto conferma quello che cerco di spiegare da un po’ di tempo ai miei amici del Pd: il centrodestra non è affatto morto”, ha detto Renzi commentando con i colleghi del Partito democratico il risultato delle urne, “anzi è un avversario temibile quando si unisce”. Brucia la sconfitta a Venezia con il candidato Casson, un nome ormai distante dal renzismo. Ma a Venezia Brugnaro del centrodestra ha potuto contare pure sulla larghissima vittoria di Zaia alle Regionali. C’è poi un altro aspetto quello legato all’inchiesta giudiziaria che sta travolgendo il Pd romano. Sarà anche solo quello romano ma pesa sui risultati in tutta Italia. Toni trionfalistici invece da Forza Italia.Brunetta e Berlusconi sono convinti: “Il vento sta cambiando”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA