I Carneade nominati al Quirinale. Da Morelli a Baldini spuntano nomi a sorpresa e sconosciuti dalla prima votazione per il successore di Giorgio Napolitano

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Carneade, chi era costui?”, recitava Don Abbondio nei Promessi Sposi. Esattamente la stessa espressione avrebbe potuto usare all’indomani della prima votazione alla Camera per l’elezione del successore di Giorgio Napolitano. Tra i votati, infatti, spunta Mauro Morelli. Inserendo il nome su Google, la prima voce che esce porta al sito web di un tecnico riparatore, venditore e noleggiatore di strumenti musicali a fiato. La seconda è quella decisiva, almeno parrebbe: è il profilo Facebook del candidato a sorpresa, che dal 2010 è il capogruppo di Sel alla quinta municipalità di Napoli. Ma non è l’unico nome inaspettato. Tra gli altri spunta un tale Dario Baldini d’Amato che ha ricevuto ben due voti. Un voto in meno di quanto ha collezionato l’ex parlamentare del Psi Agostino Marianetti. Tra i nomi di fantasia, ancora, ricordiamo i giornalisti Riccardo Merlo, Paolo Mieli e Antonello Zitelli. E, ancora, tra gli altri anche Giuseppe Pagano, architetto italiano defunto. E Sabrina Ferilli ed Ezio Greggio.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA