I circoli dem incoronano Renzi. Ma sulle primarie del Pd si è già abbattuta una bufera di polemiche e scambio d’accuse

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Al di là delle polemiche il Partito democratico sembra essere saldamente nelle mani di Matteo Renzi. L’ex premier, infatti, nei circoli avrebbe ottenuto una percentuale poco meno al di sotto del 70%, con Andrea Orlando circa al 25% e Michele Emiliano intorno al 6,5%, una cifre che consentirebbe al governatore della Puglia di potersi candidare alle primarie vere e proprie. Ma la guerra delle cifre e delle contestazioni non sembra placarsi, con i dati dell’affluenza che ballano. Secondo i dati raccolti dal Pd che nella serata di ieri hanno ufficializzato i risultati delle proiezioni relativamente a circa 4mila circoli in Italia: Matteo Renzi 68,22% (141.245 voti) – Andrea Orlando 25,42% (52.630 voti) – Michele Emiliano 6,36% (13.168), per una somma totale di voti validi pari a 207.043″. L’affluenza, secondo l’organizzazione, sarebbe stata del 58,1%. Secondo il comitato di Orlando le proiezioni del Pd non erano del tutto convincenti, tanto che sono state ritoccate portando Renzi al 62,4%, Orlando al 29,6% ed Emiliano all’8%.

I dati ufficiali arriveranno soltanto nella giornata di oggi visto che in alcuni circoli si è votato fino alla mezzanotte. In attesa del voto popolare, fissato al 30 aprile, già sono spuntate accuse che vanno dai tesseramenti anomali a ipotizzati brogli, fino a denunce di infiltrazioni malavitose. Andando oltre le polemiche, però, ci sono i primi dati che dovrebbero far riflettere; come la vittoria di Renzi a Bari, terra di Emiliano e il plebiscito dell’ex premier stesso a Firenze, dove ha ottenuto oltre l’80% dei consensi.