I Comuni alzano la voce. Dateci i soldi per gli stipendi. Fassino al premier: pagamenti subito. Palazzo Chigi: provvederemo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Le casse (vuote) dei Comuni rischiano di non essere nemmeno in grado di pagare gli stipendi a fine mese se non dovessero arrivare in tempo i rimborsi per la cancellazione della prima rata dell’Imu. L’allarme, lanciato da Piero Fassino in audizione alla Camera, arriva forte e chiaro a Palazzo Chigi, che si affretta a garantire che le risorse saranno rese disponibili ‘’agli inizi della prossima settimana’’. Abolita l’Imu sulla prima casa, i sindaci si ritrovano adesso con 2,4 miliardi in meno che devono arrivare in fretta, ha spiegato il presidente dell’Anci davanti alle commissioni Bilancio e Finanze di Montecitorio che devono vagliare il decreto, perché ‘’non facciamo le buste paga con il lapis il 29 settembre, ci sono procedure che richiedono tempi precisi’’ e se la prima rata non arriva ‘’entro domenica, visto che lunedì è già il 22 settembre, c’è il rischio che il 30 non siamo in grado di pagare gli stipendi’’. Allo ‘’stato attuale dei fatti – ha spiegato il sindaco di Torino – la prima rata promessa in questi giorni non e’ ancora stata trasferita ai Comuni’’. Ma il provvedimento sull’Imu, ha ribattuto il governo, prevede che le risorse siano attribuite ai Comuni ‘’sulla base di un decreto del ministro dell’Interno, di concerto con il ministro dell’Economia e delle Finanze, sentita la Conferenza Stato-Città da adottare entro il 30 settembre 2013”. Decreto che puntualmente arriverà ‘’agli inizi della prossima settimana’’ per ‘’assicurare ai Comuni le risorse necessarie’’. Le richieste dei sindaci, comunque, non si fermano alla restituzione dell’equivalente della prima rata. Entro l’anno deve arrivare ‘’anche la seconda’’, peraltro rispettando gli aumenti delle aliquote gia’ decisi dai Comuni con relativi ‘’260 milioni di euro aggiuntivi’’ rispetto al 2012. E ci sono poi alcune correzioni da fare al decreto, in primis l’armonizzazione delle scadenze, visto che e’ stata spostata a fine novembre la scadenza per presentare i bilanci ma non quella per ‘’presentare gli equilibri del bilancio dei comuni’’ e nemmeno quella ‘’per il rientro delle anticipazioni di tesoreria a suo tempo date ai Comuni sull’Imu’’. C’e’ poi il capitolo Service Tax, che Fassino si augura ‘’equa dal punto di vista fiscale’’ e ‘’sostenibile per i cittadini’’.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La stampa e la sindaca deficiente

Le confidenze di Urbano Cairo ad alcuni tifosi del suo Torino hanno svelato cosa pensa questo editore (Corriere della Sera, La7 e altro ancora) della sindaca M5S Chiara Appendino, definita con fallo da Var, espulsione e retrocessione “deficiente”. Ma non c’è bisogno di videocamere nascoste o

Continua »
TV E MEDIA