I conti ancora non tornano. L’Europa avverte l’Italia: ok alla flessibilità ma è necessario rispettare gli impegni presi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’apertura dell’Europa al nostro Paese è fuor di dubbio. E parlando alla stampa italiana il commissario Ue Pierre Moscovici è stato chiaro: “L’analisi sul bilancio italiano che la Commissione Ue farà a inizio marzo si baserà sulla nuova flessibilità, ma lo sforzo richiesto di 0,25 va comunque rispettato ed entro questa settimana devono arrivarci “i dati su bilancio, riforme e sforzi” previsti”. Il commissario agli affari economici ha spiegato che “dobbiamo ricevere entro questa settimana, prima della finalizzazione delle previsioni economiche che presento il 5 febbraio, le informazioni relative alle analisi economiche e di bilancio italiane, oltre agli impegni su riforme”. La scadenza è dettata dalla necessità della Commissione di includere i dati aggiornati nelle prossime stime. Con Roma, spiega, “sono in corso scambi tecnici e ci sarà una seconda missione tecnica a Roma prima della fine del mese”.  Per l’Italia, spiega Moscovici, “lo sforzo richiesto passa da 0,5 a 0,25, che è già un progresso e che va rispettato. L’Italia può beneficiare delle tre clausole, quella per investimenti, quella per le riforme e quella per l’aggiustamento ciclico”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA