I conti della Puglia non tornano. Svelato il trucco di Vendola. Eccessivo utilizzo di derivati e troppe consulenze. I giudici contabili bocciano il bilancio di previsione

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Di Clemente Pistilli

“Voglio esprimere la mia soddisfazione perché il giudizio complessivo della Corte dei Conti consente alla Regione Puglia di potersi presentare a testa alta di fronte ai propri cittadini, con i conti in ordine”. Con queste parole, una settimana fa, Nichi Vendola, presidente nazionale di Sel e al timone del “tacco d’Italia” da 8 anni, rivendicava la bontà del suo operato alla luce dell’ok della magistratura contabile sul bilancio 2012. Stando però a quanto scrive la stessa Corte dei Conti, analizzando il bilancio di previsione dell’ente per l’anno in corso, sembra che ci sia poco da gioire. I magistrati della sezione di controllo pugliese hanno evidenziato che la Regione non si è curata di adottare strumenti di programmazione finanziaria, ha fatto largamente ricorso, con qualche escamotage, a consulenze e collaborazioni, ha compiuto operazioni affatto lineari sull’applicazione delle imposte e sui pericolosi strumenti di finanza derivata. Il massiccio ricorso a consulenti e collaboratori vari è stato inserito dalla Corte tra le irregolarità rilevate nel bilancio di previsione. I giudici hanno chiarito che la Regione, avendo sforato lo scorso anno il patto di stabilità interno e avendo fatto ricorso al cosiddetto sforamento controllato, non poteva bussare poi ricorrere a esterni per svolgere questa o quell’altra attività. L’ente ha però stretto contratti co.co.co, con decorrenza 31/12/12, “destinati di fatto a svolgersi nell’esercizio 2013”. Un modo per aggirare il divieto e le somme impegnate non sono proprio irrilevanti visto che, soltanto per 27 collaborazioni, a cui poi ne sono state aggiunte altre, sono stati impegnati 573.700 euro. Vendola sembra interessato a caccia, pesca e i collaboratori sono stati così inseriti soprattutto in tali settori. “Contratti elusivi”, hanno sostenuto i magistrati contabili. Spesi poi 267mila euro per i componenti dell’Organo di valutazione e 132.480 euro per “prestazioni occasionali e consulenze”. Altro aspetto censurato dalla Corte dei Conti: “Si tratta di prestazione aventi notevole durata e riconducibili alle collaborazioni coordinate e continuative”. Il comportamento della Regione su tale fronte? “Non conforme a una sana e prudente gestione finanziaria”.