I decessi sono segreti. Gori attacca il Pirellone: “Da quando abbiamo segnalato che erano molti di più la Regione non comunica più i dati divisi”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Ieri sono stati 32 i decessi per Covid. Non si sa però dove, in quale provincia, perché la Regione non comunica più i dati divisi. Da quando abbiamo segnalato che i decessi reali erano molti di più di quelli ‘ufficiali’, hanno secretato i dati per provincia”. Ad affermalo su Twitter è il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori.  “Neppure i dati sui guariti vengono più comunicati – ha aggiunto Gori -, e sì che sarebbero importanti per capire che oggi le persone ammalate sono poche. Spero che il nuovo Dg della Sanità Marco Trivelli parta da qui, dai dati e dalla trasparenza. Aggiungo che non vengono comunicati neanche i dati dei positivi Covid divisi per singolo comune”.

“Quanto scrive il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori, – replica con una nota la Regione Lombardia – non corrisponde al vero ed è privo di qualsiasi fondamento. La diffusione dei dati relativi al Coronavirus da parte di Regione Lombardia verso le autorità sanitarie e verso i mezzi di informazione non è cambiata e continua a essere la stessa. Sostenere, per alimentare la polemica politica e senza alcun riscontro veritiero, che la Regione ‘secreti’ i dati non fa onore a chi rappresenta le Istituzioni”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Ci mancava il regalo ai mafiosi

Partito come un venticello, il soffio della restaurazione sta diventando un tornado. Draghi a Palazzo Chigi ne è di per sé il sigillo di garanzia, ma siccome il suo è definito da stampa e poteri forti il “Governo dei migliori”, c’è chi ha deciso di

Continua »
TV E MEDIA