I grandi gruppi in guerra: il fallimento del sistema Paese. Ma il vero disastro l’ha fatto la Cassa Depositi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Essere stato il regista del disastro italiano non gli è bastato. E ora Franco Bassanini – il prototipo dei politici che si autopromuovono ad economisti – prova a fare il regista pure nella partita della banda larga. Certo, un saggio silenzio sarebbe stato più opportuno visto che la guerra nasce proprio dalle indecisioni di cui la Cdp è stata prima testimone e poi protagonista. Ma Bassanini con sprezzo del pericolo (e del ridicolo) ci riprova e ieri – mentre Telecom denunciava l’Enel a Bruxelles per l’ipotesi di aiuti di Stato – l’ha sparata grossa: tra Enel e le società di tlc “possono esserci sinergie”. Intervistato durante la trasmissione 2Next, Bassanini ha letto la trama del suo film: Enel e gli operatori – ha detto – possono dividere la spesa per la fibra, ed Enel può approfittare dei 6,5 miliardi di incentivi. Enel – ha aggiunto – potrebbe essere un soggetto, accanto a Metroweb e ad altri che concorre per portare la fibra dove Telecom non ha interesse a portarla. Come far convivere il diavolo e l’acqua santa, però, solo Bassanini lo sa.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Lega & soci altamente inquinanti

Mentre in Germania per la prima volta i Verdi superano nei sondaggi i conservatori della Merkel, in Italia una destra rimasta all’uomo di Neanderthal fa disperatamente opposizione per non inserire la difesa dell’ambiente nella Costituzione. La proposta sostenuta fortemente dai 5 Stelle è stata sotterrata

Continua »
TV E MEDIA