I grillini accelerano. Subito la legge sul salario minimo. La priorità è assicurare diritti, tutele e condizioni di lavoro più eque e dignitose

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Per il Movimento cinque stelle assicurare diritti, tutele e condizioni di lavoro più eque e dignitose è una priorità”, dice il senatore pentastellato Iunio Valerio Romano (leggi l’intervista). Lo dimostrano, d’altronde, i tanti provvedimenti approvati in questi mesi, dal Decreto Dignità al Reddito di Cittadinanza a quelli in cantiere come il Salario minimo o le proposte di legge di lotta al Caporalato. Ed è proprio il disegno di legge relativo al salario minimo, la prossima battaglia che attende il Movimento. “Sui tempi – dice non a caso il senatore Romano – penso che una volta approvata la legge di Bilancio, ci metteremo subito al lavoro per approvare la legge sul Salario minimo orario. La nostra proposta prevede una paga di 9 euro all’ora”.

La Costituzione italiana, d’altronde, all’articolo 36 afferma che “il lavoratore ha diritto a una retribuzione proporzionata e sufficiente alla qualità e quantità del lavoro svolto”. Eppure, spiega ancora Romano, “il lavoro a cottimo è una realtà presente e intollerabile, figlio delle distorsioni del sistema e della deregulation di alcuni settori, che ha creato categorie come i Riders, senza tutele e diritti, di cui nessuno si occupato prima che il Movimento andasse al Governo. Con la Legge Salva Imprese abbiamo sanato questa situazione”.

“Finora – aggiunge romano – i Riders erano considerati invisibili. Ci siamo occupati di loro, introducendo norme che hanno esteso alla categoria per la prima volta diritti e tutele in caso di malattia o infortuni sul lavoro. Contrastare nuove forme di schiavismo, mi passi il termine, che rinnegano decenni di lotte per i diritti, è una battaglia di civiltà e di dignità, che il M5S ha a cuore”.

Non è un caso che, appena insediatasi al ministero del Lavoro, Nunzia Catalfo (nella foto a destra) ha detto chiaramente che il piano per prevenire gli infortuni sul lavoro ma anche una legge chiara sul salario minimo saranno due obiettivi imprescindibili di questo Governo.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La stampa e la sindaca deficiente

Le confidenze di Urbano Cairo ad alcuni tifosi del suo Torino hanno svelato cosa pensa questo editore (Corriere della Sera, La7 e altro ancora) della sindaca M5S Chiara Appendino, definita con fallo da Var, espulsione e retrocessione “deficiente”. Ma non c’è bisogno di videocamere nascoste o

Continua »
TV E MEDIA