I medici sono ai ferri corti. Lo sciopero è a un passo. La Lorenzin difende i tagli col pretesto degli sprechi. Ma già oggi un italiano su due deve rinunciare alle cure

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

No. Non bastano le continue rassicurazioni del ministro Beatrice Lorenzin per provare soltanto a rassicurare medici e pazienti. Non basta ripetere come un disco rotto che il governo sta dando “gli strumenti per agire in modo più sereno”. D’altronde lo sappiamo: quando si tocca la sanità, non c’è zucchero che tenga, arzigogolio che regga. Davanti alla sanità, non è più concesso parlare senza dire nulla.

FRONTI ACCESI
Ed ecco, allora, che dopo la pubblicazione dell’elenco delle prestazioni sanitarie soggette a “indicazioni di appropriatezza prescrittiva”, ovvero i 208 esami e interventi specialistici che rischiano di diventare a pagamento, è ormai scontro aperto tra ministero della Salute e medici che, giorno dopo giorno, non nascondono la possibilità, via via sempre più concreta, di uno sciopero generale. I sindacati dei medici, d’altronde, hanno parlato chiaro in questi giorni dichiarandosi “nettamente contrari”. “È già in atto una mobilitazione che potrebbe portare anche a uno sciopero di tutto il mondo della sanità italiana – ha tuonato Costantino Troise, segretario dell’Anaao, il maggior sindacato dei medici dirigenti – Lo Stato si sostituisce al giudizio del professionista, assumendone le prerogative, a prescindere dal malato”. Sulla stessa linea anche altri sindacati, dalla Fp-Cgil alla Federazione dei medici di famiglia Fimmg, contrari sia all’ipotesi che i camici bianchi possano essere multati con sanzioni pecuniarie (se non rispettano i criteri per l‘erogabilità di esami e visite a carico del Servizio sanitario nazionale), sia a quella che si profila – spiegano – come una “vera e propria svalutazione del ruolo dei professionisti della Sanità”, ridotto – anche lui – a burocrate. Per ora il ministro Lorenzin continua a difendersi con la stessa litania: non è una caccia al medico, va ripetendo. Semplicemente, è un modo per tagliare “l’eccesso” (così l’ha chiamato) che vale ben 13 miliardi.

I COSTI OGGI
Insomma, l’allerta è alta. Soprattutto perchè la sanità già ha costi altissimi. Solo due giorni fa è stata l’associazione Altroconsumo a redigere un dossier sulla spesa medica. Il risultato è agghiacciante: quasi un italiano su due rinuncia a spese mediche necessarie per mancanza di soldi e questa percentuale è ancora maggiore (arriva a sei su dieci) nelle famiglie che hanno un reddito basso. Si rinuncia soprattutto alle cure odontoiatriche, alla riabilitazione fisica, alle cure ortopediche e oftalmiche e talvolta anche a cure urgenti. Si legge anocra nell’indagine: “Per curarci spendiamo sempre più soldi di tasca nostra: in media il 14% del reddito netto familiare. Come dire che in un anno spendiamo quasi 2mila euro a famiglia per cure sanitarie essenziali. E si sale a 2.400 euro se ci prendiamo cura di un malato cronico”. La salute costa cara già oggi, dunque, e chi non può far fronte alle spese sanitarie ha due alternative, spiega Altroconsumo: rinunciare a curarsi (scelta fatta dal 46% delle famiglie italiane) oppure indebitarsi (13%). Se la mannaia Lorenzin dovesse passare, infatti, il dato sarebbe ancora più desolante.

CITTADINI ATTIVI
Non è un caso allora che anche i cittadini si stanno mobilitando. Ieri è intervenuta anche Cittadinanzattiva: “Definire cosa è appropriato attiene al medico, non può esser fatto, prescindendo dal malato”. Appunto.