I presidenti a tempo mostrano i muscoli. Hollande e Gentiloni chiedono un’Europa con meno austerità

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Entrambi sono uniti da una certezza: non resteranno al potere ancora al massimo per qualche altro mese. Per questo il presidente francese, François Hollande, e il premier italiano, Paolo Gentiloni, hanno mostrato i muscoli con l’Europa, chiedendo un cambio di passo. Che tradotto significa: meno austerità.

“Non esiste un futuro all’altezza della sua storia per l’Europa se è ossessionata dalle regole di bilancio e non concentrata su lavoro, crescita e sviluppo. Francia e Italia sono impegnate a rilanciare l’Ue in uno dei momenti più difficili dopo la Brexit”, ha dichiarato Gentiloni. Da Hollande è arrivata una promessa: “Sosterremo nei prossimi mesi l’Italia che avrà la presidenza G7 e lavoreremo insieme sul commercio mondiale, nel sostegno alla crescita e per il rispetto degli impegni in materia di clima e immigrazione”.

Uno dei punti di sicura convergenza è la guerra alll’Isis: “In occasione della cerimonia di Roma per i 60 anni dei Trattati dobbiamo mostrare chiaramente qual è la direzione che vogliamo intraprendere, che deve essere quella della sicurezza dei confini europei in modo da poter essere capaci di garantire il diritto di asilo e fare in modo di riaccompagnare nei loro paesi chi non ha diritto e arrestare chi riteniamo pericoloso”, ha sottolineato il presidente francese. Su questo aspetto, Gentiloni ha spiegato: “Il 2017 può essere l’anno della sconfitta militare di Daesh. I nostri paesi sono impegnati nella lotta al terrorismo, ma sono uniti nella consapevolezza che questa vittoria militare non sarà sufficiente se non sarà accompagnata da una vittoria culturale”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La scelta responsabile di un leader

Bisogna aver bisticciato da piccoli con la matematica e la logica politica per sostenere che Giuseppe Conte abbia rinunciato a candidarsi alla Camera a Roma (leggi l’articolo) per paura di essere battuto da Calenda e Renzi. I due, che insieme non arrivano al 4% nazionale,

Continua »
TV E MEDIA