I prestanome della Camorra. Maxi blitz in tutta Italia, sequestrati 320 milioni. Sigilli a terreni, immobili e attività commerciali riconducibili ai clan

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Maxi sequestro di beni riconducibili a un clan di camorra per un valore di 320 milioni di euro. A essere sequestrate attività commerciali, immobili e terreni intestati a un centinaio di prestanomi ma gestiti da soggetti contigui al clan operante a Napoli.  Nelle indagini, condotte dal Gico del Nucleo di Polizia Tributaria di Napoli –  è stato individuato un vasto patrimonio costituito in maniera illecita.  Le attività commerciali riguardano svariati settori e i beni posti sotto sequestro – hanno reso noto le Fiamme Gialle – sono tutti riconducibili ai soggetti sottoposti alla misura di prevenzione.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA