I Responsabili vanno in pezzi, addio della Vizzini. L’ex grillina molla dopo 4 mesi la componente centrista di Tabacci

Gloria Vizzini
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ha detto addio alla componente di Bruno Tabacci ed è tornata nell’anonimato del Gruppo Misto. Dopo appena quattro mesi la deputata Gloria Vizzini, ex M5S, ha rotto con quelli che dovevano essere i responsabili e il gruppo utile a prendere il posto di Italia Viva per dar vita al Conte 3.

Quell’operazione è fallita e il centrista Tabacci, dopo aver deciso di appoggiare il Governo Draghi, ha ottenuto l’incarico di sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, con delega alla programmazione e coordinamento economico. La componente si va così sfilacciando. Vizzini, che era stata tra i primi ad aderire a Centro Democratico-Italiani in Europa, ha deciso di tornare nel Misto, fuori da qualsiasi componente.

La deputata, siciliana d’origine e trapiantata a Lucca, è stata eletta con il Movimento 5 Stelle. Nel 2019, ai tempi del Governo gialloverde e prima del voto sul decreto sicurezza bis, ha rotto con i pentastellati ed è stata espulsa. Un’espulsione giustificata dai 5S “per le ripetute violazioni dello statuto e codice etico del Movimento e dello statuto del gruppo parlamentare”, facendo riferimento anche a “gravissime assenze” alle votazioni finali di vari provvedimenti fondamentali, condivisi dai deputati grillini, e per avere votato in difformità dal gruppo numerosi emendamenti contrari alla linea politica del M5S.

Un provvedimento contro il quale ha polemizzato la Vizzini, finita nel Misto. A novembre sembrava aver trovato una collocazione con Tabacci, ma ora ha rotto pure con i centristi.