I soliti regali alle agenzie di stampa. Quattro ricchi contratti da Bankitalia per Adnkronos, Agi, Ansa e Askanews

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dalle parti di Bankitalia amano essere informati. Di più, amano stare sulla notizia. Del resto, come diceva Gordon Gekko nel film Wall Street, niente ha più valore dell’informazione. Deve spiegarsi in questi termini l’abbuffata di agenzia di stampa che palazzo Koch ha appena pagato. Dall’archivio dei recenti appalti di Bankitalia, infatti, spuntano fuori quattro contratti per altrettante agenzia di stampa a valere sul 2015. E così si scopre che l’Adnkronos ha preso 68.329 euro, l’Agi 67.929, l’Ansa 84.250 e Askanews 50mila. Davvero niente male. Certo, non è solo l’istituto centrale guidato da Ignazio Visco a fornire assistenza. Anche Camera e Senato, per dire, cospargono di soldi le stesse agenzie. Tutti caccia, evidentemente, delle ultime news.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA