I sondaggi danno in calo il Pd, la Guidi si abbatte su Renzi. Continua la scalata dei 5 Stelle, vola Sinistra italiana

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Le dimissioni di Federica Guidi pesano come un macigno sul Partito democratico. Nonostante l’ex ministra dello Sviluppo economico fosse una indipendente, i sondaggi indicano un effetto negativo del caso che ha scosso il governo, facendo perdere l’1,8% al partito del presidente del Consiglio, Matteo Renzi. Secondo Euromedia Research per Ballarò il Pd è scivolato al 30,7%, pur conservando un ampio margine rispetto alle altre forze politiche. Il Movimento 5 Stelle recupera un altro mezzo punto, attestandosi al 25,5%, ancora abbastanza lontano dai dem. Tuttavia, un altro rilevamento (di Emg) dava i pentastellati sopra il 27%, quindi ancora più in alto. Insomma, per Beppe Grillo le tensioni post Quarto sono solo un ricordo.

I sondaggi non fanno sorridere la destra
Ma se Renzi piange, il centrodestra non ride. La Lega di Matteo Salvini non riesce a capitalizzare la propaganda post attentati a Bruxelles, fermandosi al 14%. Addirittura c’è stata una lieve flessione (-0,2%) in confronto al precedente sondaggio diffuso nel talk show condotto da Massimo Giannini. Non riesce la ripresa nemmeno a Forza Italia, indicata a un malinconico 13,5%. Tiene bene Fratelli d’Italia al 4,7%, favorito anche dalla sovraesposizione mediatica della leader, Giorgia Meloni, in corsa come sindaco di Roma. Area Popolare, che unisce il Nuovo centrodestra di Angelino Alfano e l’Udc di Pier Ferdinando Casini, sale al 2,8%. Da segnalare, infine, la risalita di Sinistra italiana, che si attesta al 4% con un +0,7% in confronto a sette giorni prima. Si tratta della migliore performance tra i partiti.