Le carceri scoppiano, ci sono 7mila detenuti più del consentito. Ma Orlando fa finta di niente

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Le carceri tornano drammaticamente a riempirsi oltre ogni misura. Una situazione che, se si dovesse continuare su questo trend, potrebbe tornare a preoccupare e non poco. Ancora una volta, infatti, sebbene nessuno ne parli – fatta eccezione di alcune associazioni, come Antigone, sempre impegnate sul fronte carcerario – i nostri penitenziari, stando ai dati del ministero della Giustizia, rischiano di cadere nuovamente nel dramma del sovraffollamento. Un rischio non da poco se si pensa  che nel 2013 l’Italia, proprio a causa del sovraffollamento carcerario, fu condannata dalla Corte europea per i diritti umani per violazione dell’articolo 3 che proibisce la tortura e i trattamenti inumani e degradanti. Certo, in quel periodo le nostre carceri arrivarono a contenere oltre 66mila detenuti, mentre oggi se ne contano (dati al 30 giugno 2017) 56.919, ma è altrettanto vero che esattamente l’anno scorso erano 54.072. In un anno, insomma, la popolazione carceraria è aumentata di 2.847 unità. Parliamo, in pratica, di una media di otto nuove persone recluse ogni giorno. Tutto questo nonostante la capienza regolamentare si attesti su 50.241 posti. Ergo: c’è un’eccedenza pari quasi a settemila unità. Se non si può parlare di carceri che scoppiano, ci manca davvero poco. Ma non è tutto, perché il dato risulta ancora più preoccupante se lo si legge insieme ad un altro, questo reso noto dall’ultimo rapporto annuale del Garante dei diritti delle persone detenute, Mauro Palma: al 23 febbraio scorso il numero di camere o sezioni fuori uso, per inagibilità o per lavori in corso, era pari al 9,5%. Una cella su dieci inutilizzabile. Un dato clamoroso che, verosimilmente, rende il dato del sovraffollamento ancora più critico, essendoci meno camere a disposizione.

I dati nel dettaglio – Ma è entrando nel dettaglio che scopriamo dati e numeri ancora più preoccupanti. A cominciare dalla tipologia dei detenuti stessi. Per dire: dei 56.919, solo 36.946 sono pregiudicati, mentre la restante parte (quasi 20mila persone) sono detenuti in attesa di giudizio o condannati in primo o secondo grado. Ci sono, poi, situazioni a dir poco esplosive in alcuni istituti. Prendiamo Napoli: a Poggioreale i posti a disposizione sono 1.624, ma i detenuti presenti sono 2.169, non va meglio all’istituto di Secondigliano dove a fronte di 1.026 posti ci sono 1.344 persone. Per soli due istituti, dunque, si registrano complessivamente qualcosa come 863 detenuti in eccedenza. E pensare che la maggior parte delle case circondariali italiane nemmeno arrivano a contenere 863 persone. Se facessimo, invece, un discorso spalmato su Regione, il dato più clamoroso è senz’altro quello lombardo, dove il sovraffollamento (per un totale di 18 istituti) è pari a 2.059 unità (per una capienza pari a 6.122 posti, ritroviamo 8.181 detenuti); non va meglio certamente nel Lazio dove, dai dati pubblicati sul ministero della Giustizia, si registra un sovraffollamento di 1.008 detenuti. E, manco a dirlo, è Roma la città laziale più “a rischio”: il carcere di Regina Coeli conta 299 detenuti in più, quello di Rebibbia 252. Intanto, però, nulla quaestio dal ministro Andrea Orlando. Peccato: se non è sovraffollamento questo, sarebbe interessante capire cosa sia.

Twitter: @CarmineGazzanni