Il cardinale Pell è in carcere. Revocata la libertà su cauzione all’ex consigliere economico del Papa. Condannato in Australia per abusi su due 13enni

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La County Court di Melbourne, a conclusione di un udienza pre-sentenza di condanna, ha revocato la libertà su cauzione al cardinale George Pell, dichiarato colpevole di abusi sessuali su due coristi di 13 anni quando era arcivescovo di Melbourne. Il consigliere economico di Papa Francesco e ministro dell’Economia della Santa Sede resterà detenuto in attesa della sentenza prevista il 13 marzo. I cinque reati di cui il cardinale è stato dichiarato colpevole comportano un condanna massima di 10 anni ciascuno. A Pell era stata accordata la libertà su cauzione, dopo la sua incriminazione lo scorso dicembre. Intanto, nella tarda serata di ieri, il direttore ad interim della sala stampa della Santa Sede, Alessandro Gisotti, ha confermato che Pell non è più il prefetto della Segreteria per l’Economia.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le nomine per tutte le stagioni

Evitando le buche più dure – vedi le parole gravissime del sottosegretario Durigon – Draghi si tiene buono il Parlamento fotocopiando senza il fuoco di sbarramento visto con Conte la stessa prudenza sulla pandemia del suo predecessore. Merito di una situazione sanitaria che migliora, ma

Continua »
TV E MEDIA