Il caso Stamina si chiude. Accolta la richiesta di patteggiamento per Davide Vannoni. Un anno e dieci mesi di carcere

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un anno e dieci mesi con sospensione condizionale sul caso Stamina per Davide Vannoni. Il giudice dell’udienza preliminare ha accolto la richiesta di patteggiamento avanzata al processo dal presidente di Stamina foundation, e da altri sei imputati. La richiesta è stata accettata dopo che la procura di Torino aveva dato parere favorevole a condizione di uno stop immediato di tutte le presunte terapie in Italia e all’estero. Ma un punto controverso della sentenza riguarda proprio l’efficacia internazionale del divieto di proseguire la ricerca sul metodo Stamina. I legali di Vannoni sostengono che “è una questione giuridica complessa e discutibile, presuppone che si conoscano le leggi straniere del Paese ove venisse proseguito il trattamento. Non è detto che ciò che è vietato in Italia debba essere vietato all’estero. Tra l’altro, nel corpo della sentenza di estero non se ne parla affatto”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA