Il Cristo di Botero crocefisso nel terzo millennio. Unica tappa in Italia per dipinti e disegni della Via Crucis appartenenti all’artista

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Via crucis. La pasion de Cristo di Fernando Botero è arrivato a Palermo, dopo le tappe di New York, Medellin, Lisbona e Panama. I 27 dipinti a olio e i 34 disegni vengono ospitati fino al 21 giugno nelle Sale di Duca di Montalto del Palazzo Reale di Palermo, unica tappa italiana della mostra itinerante. Botero mescola in queste opere la realtà latino americana con il tema biblico della Passione di Cristo.
L’artista compare in un autoritratto ne Il Bacio di Giuda, così come facevano i grandi Maestri del Rinascimento Italiano quando trattavano il tema della Passione di Cristo (da Masaccio a Pinturicchio a Michelangelo).

IL NOSTRO TEMPO
I personaggi raffigurati assumono i tratti di figure del nostro tempo come il Cristo monumentale della Crocifissione inchiodato a una croce in pieno Central Park a New York.
Un’altra distorsione spazio-temporale si ritrova nella Via Crucis in cui la lapidazione di Cristo viene rappresentata in una casa latino-americana e alla presenza di un militare in grigioverde invece di un soldato romano.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA