Il divorzio breve diventa legge. Lo scontro con i cattolici non ferma il provvedimento. Dopo 10 anni di impasse la situazione si sblocca

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sì definitivo dalla Camera sul divorzio breve che diventa legge. A 41 anni dal referendum del 1974 e dopo oltre dieci anni di discussione arriva la svolta. Il tempo di attesa tra separazione e divorzio scende a un anno (invece di tre) se l’addio è giudiziale, ma se il divorzio tra i coniugi è consensuale il tempo scende a 6 mesi. E non cambia nulla se nella coppia ci sono figli minori. Nuove norme pure sul fronte patrimoniale con la possibilità di sciogliere la comunione dei beni nel medesimo momento in cui viene sottoscritta la separazione. Norme che verranno applicate anche sulle cause in corso. C’era stato un tentativo, poi saltato, per abolire i due gradi di giudizio, separazione e divorzio. Sul provvedimento si è registrata un’ampia convergenza politica.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA