Il fisco diventa meno vampiro, l’Agenzia delle Entrate rivoluziona i controlli. E Orlandi se la prende con Striscia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il fisco cambia. Diventa meno vessatorio con chi commette errori involontari, oltre che attento al dialogo con il contribuente. E soprattutto più attento alla grande evasione fiscale. L’Agenzia delle Entrate ha annunciato una rivoluzione in una circolare. Tra gli obiettivi fissati ci sono “l’intensificazione e la lotta senza quartiere alle forme di evasione più gravi e alle frodi, fenomeni contro i quali l’Agenzia mette in campo, oltre a tecniche innovative che vanno nella direzione di un sempre più incisivo incrocio delle banche dati, una chiara e intensa azione di contrasto anche nei confronti di chi per mestiere progetta o facilita sistemi evasivi complessi”, si legge nel documento.

Fisco: Orlandi cambia verso
Il direttore dell’Agenzia, Rossella Orlandi, ha dettato la linea per migliorare il rapporto con i contribuenti. Con un “cambia verso” di matrice pienamente renziana. “L’obbligo fiscale non deve essere fatto pesare in termini di adempimenti inutili ripetitivi e defatiganti, di burocrazia, di regole incomprensibili”, ha scritto. Inoltre “il rigore non va confuso con l’arroganza, di cui anzi è l’antitesi” mentre “in sede di accertamento con adesione, le proposte dell’ufficio non devono essere prospettate come un minaccioso ultimatum ma sempre nell’ottica della corretta e civile dialettica tra le parti”. Orlandi ha anche sottolineato un altro aspetto: “Se da una verifica non emergono fatti o elementi concreti da contestare, occorre evitare la ricerca a ogni costo di infrazioni formali da sanzionare solo per evitare di chiudere negativamente la verifica stessa”. Sui rimborsi il messaggio è altrettanto chiaro: se uno sgravio o un rimborso bisogna eseguirlo senza “ritardi o indugi”.

Infine, Orlandi ha difeso l’operato della sua Agenzia in una lettera ai dipendenti. Siamo “oggetto di una campagna denigratoria portata avanti da alcuni media, e in particolare da una trasmissione televisiva satirica. I reportage in molti casi vanno ben al di là del legittimo diritto di critica, per sconfinare nelle minacce personali e nel vilipendio dell’Istituzione”, si legge nella missiva che si riferisce ai servizi di Striscia la Notizia. Da qui l’annuncio della querela al programma di Canale 5: “Ho deciso di ricorrere alle vie legali e i giudici valuteranno. Rimane l’amarezza nel constatare che per commentare episodi di presunta inefficienza di una pubblica amministrazione non si contatti l’ente coinvolto ma piuttosto sedicenti funzionari incappucciati o ex dipendenti dell’Amministrazione magari licenziati per irregolarità”.