Il G7 è già zoppo. Sull’Energia niente accordo congiunto: gli Usa con Trump stanno rivedendo le loro posizioni sul clima

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La notizia rischiava di passar in sordina, ma in realtà è ben più grave di quel che possa sembrare. Al termine del G7  Energia, tenutosi oggi, non è arrivata alcuna dichiarazione congiunta dei sette “grandi” della Terra. Lo ha affermato il ministro dello Sviluppo economico e presidente di turno del G7 Energia Carlo Calenda durante la conferenza stampa. Il motivo, ha spiegato, è da attribuire alla posizione degli Stati Uniti che stanno rivedendo le loro politiche sul clima.

Calenda, però, è intervenuto anche su altro. A cominciare dal Tap che tanto sta facendo discutere in questi giorni. Cambiare l’approdo del Tap “adesso, equivarrebbe a dire che non lo facciamo, invece è fondamentale farlo”, ha detto chiaramente Calenda. “L’approdo – ha proseguito – è stato discusso tra 14 possibilità alternative. L’infrastruttura è in implementazione e la discussione è durata tantissimo”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La stampa e la sindaca deficiente

Le confidenze di Urbano Cairo ad alcuni tifosi del suo Torino hanno svelato cosa pensa questo editore (Corriere della Sera, La7 e altro ancora) della sindaca M5S Chiara Appendino, definita con fallo da Var, espulsione e retrocessione “deficiente”. Ma non c’è bisogno di videocamere nascoste o

Continua »
TV E MEDIA