Il giudice Emiliano imbarazza il Pd. Azione disciplinare contro il candidato governatore in Puglia. Fa politica ma è ancora magistrato

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Azione disciplinare del procuratore generale della Cassazione, Gianfranco Ciani, nei confronti  di Michele Emiliano. Il fresco vincitore delle primarie del centrosinistra della regione Puglia e ora candidato alle elezioni regionali del prossimo marzo 2015 è finito nel mirino perché da segretario regionale del Partito democratico (da febbraio di quest’anno, ndr) svolge attività politica, nonostante sia ancora un magistrato. Cosa vietata. Pronta replica di Emiliano: “Se la mia condotta dovesse essere considerata, da mutati orientamenti del Csm o della Procura Generale della Cassazione, quale violazione dei miei doveri di Magistrato sono pronto a rimuovere immediatamente le cause di tali violazioni. Per undici anni non è stato sollevato nessun rilievo”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quel bivio tra il M5S e il Ponte sullo Stretto

Nei sondaggi della Ghisleri e Pagnoncelli non c’è traccia, ma in Italia non c’è partito che sta crescendo più di quello del cemento. I soldi del Recovery Plan permetteranno di aprire cantieri ovunque, e come da tradizione c’è la fila per costruire quello che capita,

Continua »
TV E MEDIA