Il Governo accelera sul nuovo Dpcm. Vertice in serata a Palazzo Chigi. Draghi vede Brusaferro, Locatelli e Miozzo. Domani Speranza riferirà in Parlamento

Palazzo Chigi - Governo
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il governo accelera sul nuovo Dpcm con le norme anti-Covid in vista della scadenza, fissata per il 5 marzo dell’ultimo provvedimento approvato dal precedente esecutivo. Il premier Mario Draghi ha convocato per le 19 di oggi una riunione con i ministri interessati dall’emergenza, quindi in primis Mariastella Gelmini (Affari regionali) e Roberto Speranza (Salute).

Alla riunione, secondo quanto riferisce l’Ansa citando fonti di Palazzo Chigi, partecipano anche il presidente dell’Istituto superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, il coordinatore del Comitato tecnici scientifico, Agostino Miozzo (nella foto) e il presidente del Consiglio superiore di Sanità, Franco Locatelli.

Draghi ha convocato anche i ministri Giorgetti (Mise), Franceschini (Beni culturali) e Bonetti (Pari opportunità). Mentre domani Speranza riferirà sull’emergenza Covid-19 alle 13.30 al Senato e alle 17 alla Camera.

“Ascolteremo quello che ha da dirci il presidente Draghi che ci ha convocati” ha detto il coordinatore del Comitato tecnico scientifico, Miozzo, arrivando a palazzo Chigi. Alla domanda se ci sarà da parte del Cts una richiesta di rigore per fronteggiare gli sviluppi della pandemia, Miozzo ha risposto: “No, ma diremo che serve prudenza”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA