Il Governo al lavoro su sci e Natale. Ci sarà un coordinamento Ue e controlli anti-Covid alle frontiere per chi rientra dall’estero

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Non vogliamo invadere scelte di natura nazionale, ci stiamo premurando per evitare che ci siano trasferimenti transfrontalieri, evitando che nel caso si vada all’estero si possa rientrare senza nessun controllo”. E’ quanto ha detto il premier, Giuseppe Conte, parlando delle misure in vista delle festività natalizie.

“Stiamo lavorando – ha aggiunto il presidente del Consiglio -, ho avuto dei colloqui con i rappresentanti delle istituzioni Ue, per cercare di promuovere e ottenere un coordinamento in particolare per gli impianti sciistici e le vacanze di Natale. Non possiamo vivere vacanze natalizie in montagna come negli altri anni, se c’è una risposta Ue io la auspico e credo sia opportuna”.

“Abbiamo un indirizzo politico molto chiaro – ha detto ancora Conte – la scuola va riaperta appena possibile, non dobbiamo procurare disagi ai nostri giovani. I nostri studenti devono poter tornare a scuola, non appena riusciremo a riportare sotto controllo la curva pensiamo di ritornare con la didattica in presenza”.