Il governo arriverà alla fine della legislatura. Conte: “Comune determinazione ad affrontare il momento di difficoltà che sta attraversando il Paese”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Nel corso dell’incontro di questa sera c’è stato un ampio confronto in cui è emersa la comune determinazione ad affrontare il momento di difficoltà che sta attraversando il Paese con grande senso di responsabilità, rimanendo uniti e scacciando via qualsiasi possibile motivo di polemica o contrapposizione. È emersa inoltre la comune volontà di aggiornare i 29 punti dell’accordo di programma, verificando il lavoro già fatto e gli obiettivi che restano da raggiungere”. E’ quanto ha dichiarato il premier Giuseppe Conte nella tarda serata di ieri a margine del confronto con i leader della maggioranza. “È stato definito un piano di lavoro per i prossimi giorni – ha aggiunto il presidente del Consiglio -, da realizzare entro la fine del mese, con due tavoli. Il primo lavorerà per aggiornare l’accordo di governo e per definire quei progetti di riforma istituzionale che peraltro sono già in buona parte sul tavolo della maggioranza. Il secondo tavolo lavorerà per definire alcuni obiettivi e strategie di politica economica e sociale da perseguire in via prioritaria. È emersa, infine, la comune determinazione a lavorare tutti insieme avendo come orizzonte dell’azione di governo la fine della legislatura nel 2023”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Bongiorno conflitti d’interesse

Fosse per certi leghisti dovrebbe dimettersi pure Papa Francesco. Quindi che c’è da meravigliarsi se ieri si sono svegliati con la pretesa di cacciare dal governo la sottosegretaria Macina, coriacea esponente dei 5 Stelle passata per le armi senza bisogno di processo per lesa maestà

Continua »
TV E MEDIA